Tuesday, Sep 25th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Crotone vs. Livorno 3 a 0. Non si vede la fine del tunnel

E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

tratto da http://www.alelivorno.it

Terza sconfitta di questo campionato per la squadra amaranto ed è una sconfitta amara e pesante sia nel punteggio che nel gioco. Squadra mai in partita, arrendevole, in piena regressione sia morale che tecnico-tattica.

La squadra amaranto si presenta al via ampiamente rimaneggiata per i noti infortuni, a cui si aggiunge la defezione disciplinare di Ceccherini. Quindi Calabresi e Lambrughi, capitano, al centro della difesa, sulle fasce Kukoc e il rientrante Morelli. Schiavone, Palazzi e Cazzola a centrocampo. Bunino di punta e Jelenic e Pasquato dietro al biondo attaccante.

L'inizio non è al cardiopalma, le squadre si studiano, il Crotone viaggia sulle ali dell'entusiasmo di una posizione di classifica non sperata all'inizio del campionato, mentre i ragazzi amaranto controllano. Fino alla mezzora non succede nulla i due portieri sono inoperosi, però al 35°la squadra calabrese passa in vantaggio, cross basso dalla sinistra, attraversa lo specchio della porta con la difesa amaranto che probabilmente era tra le braccia di Morfeo (non il giocatore), sul secondo palo arriva Balasa che insacca. 1 a 0.

Lieve reazione amaranto, ma arriva l'intervallo.

Il secondo tempo si apre con la sostituzione di Palazzi con Aramu, al 7° bella discesa di Morelli che confeziona un cross al bacio per Pasquato che da posizione interessante il giovane attaccante spara fuori. Passano i minuti e sembra, anzi pare, che il Livorno guadagni spazio e che il baricentro si sposti verso l'area pitagorica, ma è un impressione al 62° Morelli, fa una frittata degna della finale di MasterChef, passando una palla di testa indietro a Pinsoglio, Torromino mette il piedino e con un pallonetto raddoppia per la squadra calabrese. Tutti si aspettano la reazione amaranto che non giunge. Invece giunge all' 82° il terzo gol dei pitagorici con Capezzi. Il Crotone si limita a controllare e i giocatori amaranto proseguono a girare a vuoto. Fischio finale.

Nessuna reazione, niente attributi, così si va poco lontano. Sabato ci attende al Picchi il Modena, nelle ultime quattro partite abbiamo fatto un punto, segnato due gol di cui uno su rigore e subito sette gol. Media terrificante.

Riprendere il cammino è necessario e doveroso. Aver vanificato la partenza sprint delle prime quattro giornate è frustrante. Vuoi le assenze per infortunio, vuoi un ambiente dello spogliatoio che non deve essere dei più idilliaci, vedi esclusione di Ceccherini di oggi, vuoi il caratterino non troppo accomodante di Panucci, la situazione inizia ad essere pesante.

Cadere nell'apatia e riproporre il campionato anonimo dell'anno scorso è deleterio al morale, alla tifoseria e alla squadra. Spetta al Mister e alla società serrare i ranghi e trovare le soluzioni. Ai tifosi oltre l'amarezza e la delusione resta poco.

NB.: Un applauso scrosciante per gli eroici che hanno seguito la squadra allo Scida, sobbarcarsi quasi mille km di trasferta per assistere a questo spettacolo mortificante è davvero un'impresa da eroi. Bravi!

Vola Livorno... Vola...

Le pagelle

Pinsoglio: a partire dalla metà del primo tempo, fino al fischio finale, ogni volta che i rossoblu si affacciano dalle sue parti sono dolori. In realtà qualche piccola responsabilità ce l'ha, secondo chi scrive, solo sul terzo goal che serve solo ad appesantire la sconfitta. E' stata comunque una giornata da dimenticare per tutti, lui compreso. Voto 5

Morelli: commette due errori gravi che, purtroppo, innescano due delle tre reti. Ovviamente se il ragazzo vuole fare il calciatore professionista deve lavorare per evitarli, e lo farà di sicuro. Il problema è che il suo schieramento è apparso, almeno a me, un torto a lui : ci deve essere gradualità e rispetto, il votaccio oggi non gli tocca. Senza voto

Gonnelli (dal 31° st): sostituisce il compagno dolorante. Senza voto.

Calabresi: Panucci oggi lo mette nella posizione a lui più congeniale, da centrale. Non se la cava affatto male, a parte un paio di occasioni in cui balla. Voto 5.5

 

Lambrughi: sbaglia di rado la partita, anche nelle giornate peggiori come questa la sua esperienza e la dedizione vengono fuori. Fa un recupero chirurgico in scivolata, su un avversario da cui era stato infilato, che vale una rete. Voto 6

Kukoc: non soffre la fase difensiva come altre volte, anche se la deve migliorare.  Poco lucido in avanti, incursioni velleitarie e cross asfittici. Voto 5

Cazzola: unico muratore in un reparto di capomastri. La scelta non è felice, anche se lui si impegna al massimo delle sue attuali possibilità non riesce a coprire per due. Voto 5.5

Schiavone: il Livorno dura venti minuti, i primi della gara, quando riesce a fare gioco stando col baricentro alto. Col passare dei minuti i ragazzi non riescono a opporsi alla crescita del Crotone e anche il facitore del gioco amaranto affonda. Voto 5

Palazzi: cerca di cantare e portare la croce, cioè di appoggiare il gioco e di fare anche un po' di interdizione, finendo per far male entrambe le cose.  Da rivedere in un ruolo più logico. Voto 5

Aramu (dal 1° st): sostituisce di fatto Jelenic nella posizione di esterno destro, facendo spostare lo sloveno in mezzo. Inizia bene, poi le bollicine svaniscono nel nulla. Voto 5

Pasquato: fa del movimento un po' fine a sè stesso, non riuscendo ad approfittare di un paio di buone occasioni. Deve crescere, anche se per la verità non è stato sommerso dai palloni buoni. Voto 5.5

Bunino: tosto e battagliero. Risultati offensivi pochini, tra l'altro al secondo minuto di gioco per poco non fa girare la partita nel verso giusto, approfittando di una topica difensiva degli avversari per inserirsi ma sparando sul portiere. Ha faccia tosta e impegna gli avversari, e in una partita angosciante come questa va segnalato. Voto 6 meno

Jelenic: arriva sempre secondo sul pallone, evidentemente i suoi avversari di oggi hanno avuto un passo superiore. Non rende di più quando Panucci lo sposta in mezzo. Voto 5

Comi(dal 25° st): grigio e ininfluente. Voto 5

Panucci: assenze in quantità, quindi cerca di inventare. Purtroppo inventa l'inverosimile. Non si può schierare un centrocampo con il solo Cazzola a fare l'incontrista e due fini dicitori come Schiavone e Palazzi, perché si finisce per stravolgere il rendimento dell'uno e degli altri, come è puntualmente successo. Non è giusto buttare allo sbaraglio un difensore diciannovenne, alla sua seconda partita in serie B sul campo della squadra più in forma del torneo e mettendolo sulla fascia dove il Crotone ha la sua arma migliore. E' irrispettoso nei confronti di Morelli, specialmente dopo le parole spese dal tecnico nella conferenza stampa di lunedì riguardo alla protezione dei giovani. In panchina aveva Gonnelli ( che poi è entrato) Vergara e Gasbarro. In pratica il Livorno parte benino ma dura venti minuti, da quando il Crotone riesce a mettere radici nella metà campo amaranto non ci si schioda più, ed è notte. Azzeriamo Mister, e ripartiamo.  Voto 5

Ivano Pozzi

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito