Thursday, May 24th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Questione stadio: “Sennò viene Pomponi…”

E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

stadio picchi livornoEmpoli, 5 agosto: il Comune ringrazia l’Empoli Fc per aver effettuato i lavori di adeguamento dello stadio Castellani. “I field box a bordo campo, che l'anno scorso solo Empoli o pochi altri stadi avevano, hanno fatto scuola. Per il manto erboso già eravamo uno dei migliori stadi d'Italia, ma l'Empoli si è imbarcato in questa bella impresa di rifare tutto il campo. Il manto erboso esistente è stato rimosso completamente ed è stato rifatto anche l'impianto di irrigazione”. La spesa? 80mila euro tutti a carico della società.

Livorno, 8 agosto: Livorno-Ancona si svolge su un manto erboso “malconcio e giallastro”. Il responsabile della manutenzione spiega: “Una rizollatura mediamente dura al massimo sette anni. Noi siamo arrivati a sedici”. Il budget a disposizione? “10/12 mila euro l’anno”. Tutti a carico del Comune naturalmente, perché la società non mette un centesimo.  

Empoli, 12 agosto: l’Empoli Fc presenta il progetto per il nuovo Castellani: “Uno stadio da mille e una notte, un impianto avveniristico con le tribune a ridosso del campo, supermercato e negozi al proprio interno e totalmente coperto”. Lo stadio, 20mila posti, sarà a impatto zero. Il club investirebbe tra i 10 e gli 11 milioni di euro e si prevedono 80 nuovi posti di lavoro. “Vogliamo regalare questo impianto all'Empoli e a suoi tifosi perché pensiamo che se lo meritino” dice l’a.d. dell’Empoli. Inoltre dal 2020 in serie B saranno ammessi solo stadi senza la pista di atletica, ma siccome il sindaco la pista non vuole perderla, l’Empoli offre altri 500mila euro per realizzarla altrove.

Livorno, 16 luglio: ci risiamo, Spinelli piange di nuovo. “Ho fatto presente a Nogarin che da solo non riesco più ad andare avanti. Ogni anno rimetto 5 milioni. Una cifra iperbolica. Per uno o due milioni potrei pensare di restare, ma così no. Quest'anno ho iscritto la squadra, ma l'anno prossimo non credo di farcela a meno che la città non mi dia una mano, cosa mai successa dal '99 ad oggi. Ho chiesto a Nogarin che si attivi almeno per trovarmi uno sponsor. Se non arriva neanche quello la vita si complica perché non solo non intendo rimettere soldi, ma neanche voglio far soffrire la mia famiglia e mio figlio”. Poveretti. Chissà quanto soffrono la sua famiglia e suo figlio per colpa nostra. Forza, diamogli una mano, sennò se ne va e viene Pomponi…

Nello Gradirà

Articolo pubblicato sul numero 107 (settembre 2015) dell'edizione cartacea di Senza Soste

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito