Monday, Aug 10th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Respinto dalla Corte Europea il ricorso sul "caso Marcello Lonzi"

E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

lonzi_marcelloLa vergogna si è definitivamente consumata. Molti ricorderanno la vicenda di Marcello Lonzi, il ragazzo morto l’11 luglio 2003 nel carcere Le Sughere a Livorno, dopo aver scontato appena quattro dei nove mesi di reclusione per una condanna per tentato furto. Le cause del decesso furono attribuite ad una "aritmia cardiaca", insomma un infarto, ma dopo anni di lotte, nel 2006 venne riesumata la salma e dagli ulteriori accertamenti si scoprì che Marcello aveva ben 8 costole rotte, 2 buchi in testa e un polso fratturato.

Nel frattempo la vicenda va avanti ma inspiegabilmente, nel 2010, viene archiviato dal Tribunale di Livorno il "caso Lonzi" tra l'incredulità della mamma, Maria Ciuffi, e dei suoi legali. Oggi arriva l'ultima triste "novità", respinto il ricorso presentato dalla mamma di Marcello, decisione che come precisa la stessa Corte è "irrevocabile" e mette definitivamente la parole "fine" sull'ennesimo OMICIDIO DI STATO. Questa è la giustizia Italiana!

Così Il Tirreno, a margine della manifestazione anarchica a Pisa per i 40 anni dalla morte di Franco Serantini, ha riferito del respingimento del ricorso

La Corte europea dei diritti dell’Uomo di Strasburgo ha “dichiarato irricevibile il ricorso” presentato da Maria Ciuffi, la madre di Marcello Lonzi, il detenuto morto in carcere a Livorno l’11 luglio 2003.
Lo ha reso noto la donna che ieri a Pisa ha partecipato al corteo degli anarchici in ricordo di Franco Serantini, lo studente sardo ucciso 40 anni fa in seguito a un pestaggio subito dalla polizia.
Mi fido più degli anarchici che dei giudici”, ha detto Maria Ciuffi ricordando che suo figlio, che secondo la giustizia italiana è morto in cella a causa di un malore, “subì violente percosse in carcere al punto da provocarne il decesso”.
tratto da http://www.stopcensura.com
AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito