Thursday, Oct 19th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

«Ankara farà esplodere la guerra civile con i kurdi»

E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Intervista al giornalista turco Zeynalov: «I conflitti in Siria e Iraq servono ad allungare lo stato di emergenza necessario a reprimere le opposizioni». Un altro deputato Hdp arrestato, convocati gli ambasciatori europei

Erdogan comiziodi Chiara Cruciati – Il Manifesto

Roma, 8 novembre 2016, Nena News – Le porte delle celle turche continuano ad aprirsi: ieri è stato arrestato un altro parlamentare dell’Hdp, il Partito Democratico dei Popoli, fazione di sinistra pro-kurda decapitata da un’ondata di arresti senza precedenti. È stato preso ieri ad Hakkari Nihat Akdagon, uno dei tre deputati che mancavano alla lista nera di Ankara. Non cessano nemmeno le proteste, violentemente attaccate dalla polizia: ieri è toccato ad una manifestazione indetta da organizzazioni di donne, aggredite con proiettili di gomma a Istanbul.

All’autoritarismo governativo, l’Hdp ha risposto domenica annunciando la sospensione delle attività parlamentari, interne all’assemblea e nelle commissioni. Quasi una secessione dell’Aventino, se ci è permesso il paragone, a cui reagisce il premier Yildirim: dopo aver arrestato 12 deputati Hdp, minaccia di accusare di tradimento gli altri 46 se non si presenteranno in parlamento. Ma li accusa anche di finanziare il terrorismo, pur volendoli seduti sugli scranni parlamentari: domenica ha parlato di trasferimento di denaro dai comuni guidati dall’Hdp al Pkk.

Una guerra senza quartiere, che arriva all’Europa: ieri il governo ha convocato gli ambasciatori dei paesi della Ue per le condanna espresse dopo gli arresti. Ne abbiamo parlato con il giornalista turco di origine azera Mahir Zeynalov, editorialista di Al Arabiya e commentatore per Cnn e Bbc, deportato dal paese nel febbraio 2014.

Cosa ci si deve aspettare dalla nuova ondata repressiva?

Con la crescente repressione contro media e politici kurdi, il governo turco li sta portando al limite: aprirà ad una battaglia interna tra kurdi e esercito, una guerra civile che potrebbe allargarsi ulteriormente. Sono le azioni di Ankara a rendere concreto un simile scenario.

L’obiettivo è distruggere la sola opposizione al presidenzialismo. Ma l’attacco va letto anche come parte di una strategia più ampia che coinvolge Siria e Iraq?

Erdogan non tollera chiunque metta in dubbio la sua autorità mentre è alla caccia di pieni poteri presidenziali. Lo stato di emergenza è lo strumento perfetto per la sua campagna di eliminazione delle opposizioni. Per questo, ha bisogno del caos. Le guerre in Siria e Iraq, come quella nel sud-est turco, sono buone ragioni per ampliare lo stato di emergenza. Provocando un’escalation dei conflitti nei due paesi vicini e inviandoci l’esercito, Erdogan prova a convincere l’opinione pubblica che il governo sta affrontando nemici sia all’interno che all’esterno. E questo gli permetterà di ampliare lo stato di emergenza e reprimere ogni dissidente.

Quali settori della società sostengono Erdogan?

Gode di un ampio e fedele sostegno dalla base della società turca, per lo più conservatrice e nazionalista. Non manca un numero significativo di kurdi conservatori che, come in ogni autocrazia, sperano in affari lucrosi o posti di lavoro.

La guerra all’Hdp può essere vista anche come uno scontro tra visioni socio-economiche? Neoliberismo contro un’idea più egualitaria di società?

Non sono certo che sia causa di frizione. Ci sono gruppi che non si sono piegati a Erdogan e i kurdi sono uno di questi. Li vuole punire, è semplice.

Perché il governo turco pensa di non aver bisogno del processo di pace con il Pkk?

Dopo che Erdogan lanciò il processo di pace, alle elezioni del giugno 2015 ottenne il 41%, quasi il 10% in meno di quanto serviva per la maggioranza assoluta e la modifica del sistema politico da parlamentare a presidenziale. Quel 10% mancante sono elettori radicalmente nazionalisti. Ha abbandonato il processo di pace e a novembre 2015 ha preso il 49%. La pace con i kurdi per lui è un ostacolo.

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito