Thursday, Oct 19th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Spread alto causa no al referendum? Ci può credere giusto l’Unità

E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

L’Italia è un paese divertente e, allo stesso tempo, scontato. Come lo sono i rumori sul “no” al referendum che provocherebbe un rialzo dello spread tra bond italiani e bund tedeschi in modo tale da allargare il debito pubblico.

angeli noSono di queste ore i primi rumori, di agenzia di stampa e di servizi tv, che suggeriscono, quando non impongono, la lettura di un “no” che favorirebbe la turbolenza dei mercati finanziari, l’aumento del debito pubblico, lo sfascio del paese. Rumors divertenti, persino esilaranti, ma sicuramente scontati. Come lo erano dai tempi del referendum scozzese prima, e della Brexit poi: la borsa entra sempre tra gli argomenti del voto. Certo, rispetto ai referendum britannici, c’è quel pizzico di folkore nazional-popolare che rende tutto più divertente. Ad esempio c’è un cortocircuito interessante nella propaganda del “Si”: se i mercati davvero temono una vittoria del “No” allora vuol dire che, nonostante i proclami e i presunti sondaggi bomba, Renzi non riesce davvero a rimontare.

Il debito pubblico renziano. Ma lasciamo perdere le speculazioni e andiamo alla realtà, sempre trascurata in questi casi. Prima di tutto parliamo di debito pubblico. Se aumenta non è grazie al “no” ma grazie a Renzi. A maggio, stime Bankitalia, è stato raggiunto il picco del debito pubblico: 2.241,8 miliardi. Poi si può dire che la creatività contabile renziana ha raggiunto nuovi livelli per cui questo debito, in documenti ufficiali del governo, è stato, come dire, ripensato lllocando alcune passività tra le attività etc. Resta però il dato: in oltre due anni di renzismo reale l’Italia è cresciuta di pochissimo, pochi decimali di Pil e di ancora meno in termini di produttività, ed il debito è aumentato toccando il record in primavera. Lasciamo i Tg e la stampa, e i social media, a impiccarsi sui decimali, ma la sostanza è quella. Imputare la crescita del debito al referendum, e al prevalere dei no, è come sostenere che il terremoto nel centro italia è causato dal crescere del sentiment negativo su Facebook degli abitanti di quelle zone. Anche perché il debito, negli anni più recenti, è stato tenuto a bada dalle politiche di intervento della Bce che hanno provocato un ribasso dei tassi di interesse sui bond italiani. Prima con politiche tipo LTRO, che hanno permesso alle banche italiane di acquistare bond nazionali, poi con il QE, politica che ha permesso l’acquisto diretto di bond italiani da parte della Bce. E’ evidente però che la Bce non può acquistare debiti all’infinito, pena l’esplosione di bolle da asset, il rigonfiarsi eccessivo del bilancio della banca centrale e persino una sua dipendenza dal capitale di rischio. Ecco, nelle difficoltà delle Bce, una delle cause delle fibrillazioni della borsa italiana, fibrillazioni che riguardano anche le banche che questi bond, oltretutto, detengono.

Il nodo BCE. Come si vede il “si” e il “no” con gli spread non c’entrano nulla, se andiamo ad analizzare un po’ piu’ nel profondo, i problemi sono altri: debito pubblico alto nonostante la propaganda renziana, impossibilità di continuare all’infinito le politiche di acquisto dei titoli da parte della Bce (Banca Centrale Europea), crisi delle banche italiane che detengono bond nazionali. Certo, in queste cause strutturali la speculazione e la guerra finanziaria, la capacità di predare risorse liquide da paesi in difficoltà, possono dire la loro. Basta vedere il rapporto, nel 2011, tra vendita di bond italiani da parte di Deutsche Bank, outlook negativo da parte delle agenzie di rating e aumento dello spread (che ha oltrepassato più volte quota 500, oltre cinque punti di interesse sul bond che sono un’enormità).

Bisogna insistere però sul fatto che le previsioni, negative, sui bond italiani sono tutte questioni legate alle politiche della Bce. Ancora in primavera i titoli italiani attiravano l’interesse degli investitori a caccia di rendimento perché rendevano più di quelli dei paesi core dell’eurozona (la curva dei rendimenti italiana non arriverà mai sottozero come era arrivata quella tedesca) e promettevano capital gain (guadagno in conto capitale, originato dalla differenza fra prezzo d'acquisto e prezzo di vendita) notevoli con il restringimento dello spread (che faceva somigliare i bond italiani ai tedeschi rendendoli appetibili sul mercato) . La quantità di Btpin circolazione era destinata a rimanereabbondante nonostante i grandi acquisti della Bce, essendo l’Italia superindebitata. Ed è stato quest’ultimo punto un qualcosa davvero a favoredell’Italia in un mercato internazionale dei bond scosso dal’incertezza. Piu’ debito piu’ certezza che gli investitori, attirati dalla garanzia Bce, intervenissero da ogni parte del globo. La rete di sicurezza coì creata attorno al Btp future, un bond pluridecennale con cedola semestrale, dava inoltre, nella possibilità di vendere bond, una marcia in più all’Italia su Spagna e Portogallo, che hanno i limiti dei piccoli mercati. Insomma: grande debito nazionale, grande mercato dei bond italiani con vantaggi per stato e investitori, finchè la Bce dava sicurezze e soldi, tutto si teneva ampiamente in equilibrio. Almeno fino a metà estate.

Spread e titoli italiani. Arriva poi qualche segnale dai mercati: nei giorni scorsi proprio la “marcia in piu’” del finanziamento dello stato italiano, i Btp future, comincia a fare retromarcia. Milano Finanza titola “brusca ondata ribassista sui Btp future”. E’ il segno che i titoli pubblici italiani, per cause che con il referendum non c’entrano nulla, comiciano ad andare male. Segno serio, durante l’anno di crisi 2011, quello che portò Monti a Palazzo Chigi con Fornero al seguito, proprio i Btp future toccarono picchi speculativi tra luglio e settembre. C’è poi un fattore più tecnico: la Bce per cominciare ad acquistare titoli tedeschi, come da programma di acquisto di Draghi, aveva bisogno di un piccolo rialzo nel rendimento di questi ultimi. Guarda caso, questo rialzo è arrivato e ha spinto, di conseguenza, un pò più in alto gli interessi dei titoli italiani (e spagnoli) aumentando gli spread. Come si vede anche in questo caso Renzi, Brunetta o Grillo non c’entrano nulla. C’entra il comportamento della Banca centrale, vero dominus dell’andamento dei titoli pubblici altro che referendum. C’entrano le necessità di Berlino, di farsi comprare un po’ di debito pubblico da Francoforte (Bce). Anzi, se dobbiamo dirla tutta, in ottica di austerità liberista è più Renzi a preoccupare di altri soggetti dalla parte del “no” (come Monti). Visto che la possibile sconfessione del fiscal compact, minacciata da Renzi e dal suo ministro Calenda, può comportare aumenti dello spread sui mercati.

I fatto internazionali. Ci sono poi fattori internazionali da considerare. Ma non ci riferiamo alle elezioni americane, e nemmeno tanto alla trattativa sulla Brexit, ma a due questioni legate ai tassi di interesse. Se la Federal Reserve aumenta i tassi in dicembre e la Bce riduce, in primavera, i programmi di acquisto titoli è evidente che lo spread tra bond italiano e btp puo’ salire. Fino a creare previsioni seriamente negative per il debito pubblico. A prescindere da cosa accade a dicembre. Perchè sono le politiche monetarie delle banche centrali a fare le politiche di bilancio e a fare le crisi. Oltretutto, siccome le banche centrali non sono onnipotenti è chiaro che, qualche volta, le crisi gli scoppiano pure in mano. Tutto questo, che l’aumento dello spread sia moderato, come oggi, o eccessivo, come cinque anni fa, ha pochissimo a che vedere con il teatrino della politica italiana. Diciamo che, di sicuro, ha a vedere più con equilibri di bilancio del Bce, con la sua esposizione presso imprese e banche, con le ondate speculative. Certo, queste ultime possono manifestarsi con il referendum, come con le elezioni americane. Anche con giochetti banali come accaduto in Gran Bretagna. Quando la notizia falsa della vittoria del Remain ha generato qualche guadagno serio e qualche perdita altrettanto seria. Ma un punto è fermo: che ci sia quindi un rapporto tra “no” e spread sono quindi cose alle quali può credere giusto l’Unità. Oggi ridotta a giornale del tetragono renzismo reale nella cui redazione la propaganda, quella un tanto al chilo, non va certo in astinenza

redazione, 3 novembre 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito