Sunday, Jun 24th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

BL: "Abitare è un diritto essenziale, che passa anche per le requisizioni"

E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
 

Insomma, è un diritto essenziale, di più: imprescindibile, il cui mancato esercizio comporta conseguenze sulla salute, fisica e psichica, della persona, che non godendolo vedrà intaccati molti altri diritti fondamentali (dalla salute all’istruzione), perdendo o vedendo duramente minacciata la propria stessa dignità.
Restando nell’ambito locale d’azione di una forza politica come #BuongiornoLivorno, siamo convinti che il compito ineludibile di qualsiasi Amministrazione comunale consista nell’attuare tutte le misure possibili per attaccare il problema alla radice e iniziare a risolverlo (o, quantomeno, ad attenuarne progressivamente gli effetti disastrosi). È necessario un progetto serio e concreto che anteponga le necessità delle persone a quelle del profitto: l’azione di governo locale deve tendere al perseguimento del bene comune e della maggiore utilità sociale di ogni intervento.

A tale proposito nel luglio scorso il Consiglio comunale ha approvato una mozione (firmata da Marco Cannito di Città Diversa) che, preso atto dell’esistenza del Piano casa comunale, impegnava il Sindaco:

  1. alla requisizione temporanea degli immobili vuoti e inutilizzati destinandoli per le emergenze abitative con motivazione di urgenza umanitaria;
  2. laddove possibile a prevedere un’eventuale indennità di occupazione da parte degli ospitati;
  3. il tutto secondo misure, modalità e tempistiche ritenute congrue.

In conseguenza di tale atto, sui media e sulle piattaforme social si scatenò una polemica largamente immotivata e ci fu addirittura chi, con grande cinismo, ipotizzò scenari apocalittici, paventando espropri ai danni di poveri pensionati indifesi e immaginando un Comune che, vampirizzando il futuro delle persone, si sarebbe appropriato indebitamente del frutto dei loro sacrifici.
Naturalmente (e purtroppo per tali profeti di sventura) la realtà si è incaricata di smentirli.

Una ricerca di Unione Inquilini ha portato a conoscenza della città che, nella sola zona centrale, ci sono almeno 15 alloggi, proprietà di Enti Previdenziali e sfitti da anni, che potrebbero rientrare a buon diritto tra quelli oggetto del dispositivo della mozione Cannito. Unione Inquilini propone di inserirli nel circuito del canone concordato, con relativa indennità di occupazione per i proprietari.
#BuongiornoLivorno, dopo aver votato a favore della mozione Cannito, chiede dunque all’Amministrazione:

  1. di attivarsi per censire tutti gli immobili nello stato di inutilizzo pluriennale di proprietà di Enti, Fondazioni, Assicurazioni etc;
  2. di interagire con i Proprietari affinché li mettano a disposizione per le necessità pubbliche e, nel caso non ci sia una risposta positiva, di requisirli ai sensi della mozione approvata;
  3. di ricercare con la Prefettura tutte le soluzioni possibili per disinnescare la bomba sociale che, stante la situazione di grave crisi economica che non accenna a allentare la morsa, nonostante le tranquillizzanti dichiarazioni del Governo nazionale, rischia di esplodere.

Gruppo Sociale di Buongiorno Livorno

http://buongiornolivorno.it/2016/10/28/abitare-e-un-diritto-essenziale-che-passa-anche-per-le-requisizioni/

28 ottobre 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito