Thursday, Nov 23rd

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Il Forum di alelivorno.it risponde alla famiglia Lucarelli

E-mail
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 
alelivorno_sitoGentile famiglia Lucarelli,

Ci rivolgiamo a tutti voi, senza distinzione di ruolo e di età, perché onestamente pensiamo che con la minaccia di querela ad alcuni utenti del sito si sia passato il confine della polemica, magari accesa, per entrare su un terreno che non è né da tifosi del Livorno né da livornesi. Siamo gente che è abituata a discutere i problemi sul tavolo, in faccia, e senza bisogno di un collegio giudicante. Di solito in questo modo si fa molto prima, senza maschere, e la soddifazione di essersele dette non è comparabile a quella di una sentenza di tribunale.

Siete una famiglia, di cui due componenti hanno vestito in passato l’amaranto, conosciuta non solo in città ma su tutto il territorio nazionale. Non comprendiamo quindi quanto la minaccia di querele, della quale apprendiamo solo a mezzo stampa, possa giovare alla vostra immagine e a quella del tifo livornese. Ma veniamo ai fatti. Dalla stampa cittadina apprendiamo che i vostri avvocati stanno valutando la possibilità di querelare alcuni utenti del forum per una serie di commenti relativi ad un’intervista di Maurizio Lucarelli. Ad una prima lettura non ci sembra affatto che ci siano gli estremi per una querela ma, su questo, decideranno i vostri avvocati. Certo però che il vostro comportamento è proprio curioso. Pochi giorni fa, sempre da quanto appreso dalla stampa, un esponente della vostra famiglia in conferenza stampa riportava che il padre si scusava pubblicamente proprio per le affermazioni contenute in quella intervista. Evidentemente si capiva di aver esagerato in affermazioni che in città hanno fatto rumore. Oggi invece i commenti ad una intervista, di cui lo stesso intervistato ha ritenuto pubblicamente di far notificare le scuse, diventano oggetto di possibile querela. In questo modo non si fa altro che perseverare, dal punto di vista dell’immagine della famiglia, nell’errore. Prima si fanno dichiarazioni impopolari poi si prosegue con gesti altrettanto impopolari. Cosa ne ricaviate da tutto questo lo sapete solo voi e, oggettivamente, è problema vostro.

Il problema nostro è invece la tutela della libertà di espressione, in rete e non, dei tifosi livornesi. In caso di querela scatterà la solidarietà, legale e popolare, nei confronti dei tifosi. Nessuno di voi è stato minacciato, non sono state progettate chissà quali contestazioni, si è solo fatta qualche battuta in livornese. Diciamocela francamente: da questo comportamento la vostra immagine ci esce parecchio male. Quella di una famiglia che ha come componente un signore che fa le battute, parecchio indigeste in un momento di crisi, sulle “cee a colazione” e che oltretutto vuol querelare, e di conseguenza zittire, chi ci ride sopra. Non è da livornesi, spiace dirlo ma è così. In altre occasioni chi si è sentito in dovere di dire, agli utenti del forum, che avrebbe querelato ha fatto un gesto semplice. Si è iscritto, ha detto la sua e le questioni si sono comunque chiarite. Qui nessuno nega la parola a nessuno. Bastava una telefonata, o una sessione in rete, e il chiarimento sarebbe arrivato. E senza spendere un’euro in avvocati. In questo senso fa male apprendere dal giornale, senza essere nemmeno interpellati, che sarebbero in arrivo delle querele. A un sito di tifosi che hanno seguito, e seguono, il Livorno ovunque in qualsiasi categoria o campo da gioco. Ad un sito dove gente spende volentieri passione, soldi, entusiasmo, tempo per la propria squadra che non ha certo una storia qualsiasi.
Ora, querelare è nella vostra facoltà come difendersi è nella nostra. In caso di querela siamo sicuri di spuntarla in città, tra i tifosi, come in tribunale. Perché non abbiamo fatto proprio male a nessuno.

Ci chiediamo però quanto un’eventuale querela, con annesso spettacolo giudiziario, possa giovare all’immagine di Livorno e del Livorno. E anche ai nostri ricordi. Due componenti della vostra famiglia hanno scritto pagine importanti nella storia della nostra squadra e anche della nostra città. Le volete offuscare con una vicenda di denunce e di tribunali? E per cosa, per due risate scritte in allegria tra tifosi?
Detto questo, fate come preferite. Noi agiremo secondo coscienza. Convinti che la stragrande maggioranza dei tifosi del Livorno ci sosterrà.

Il forum di AlèLivorno
23 dicembre 2010
AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito