Tuesday, Jul 14th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

La scuola si ferma contro i diktat di Renzi

E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

La scuola si ferma contro i diktat di Renzi

Roberto Ciccarelli - tratto da http://ilmanifesto.info

Scuola, oggi è sciopero generale contro Renzi Lo sciopero generale della scuola contro la riforma Renzi-Giannini-Pd è stato indetto dai sindacati più rappresentativi: Flc-Cgil, Cisl e Uil scuola, Snàls, Gilda e i Cobas. Sarà la più grande manifestazione di protesta contro un governo dall'epoca Gelmini-Berlusconi (2008). Previsti cortei in sette città (Aosta, Bari, Catania, Cagliari, Milano, Palermo, Roma) e centinaia di flash mob con lo slogan «Nessun resti a casa» a partire da mezzogiorno. Tra l'altro la piattaforma prevede: il rifiuto della figura del «preside manager» e dei suoi poteri incostituzionali di «chiamata diretta» docenti. Per il governo in piazza ci sarà una «minoranza chiassosa»

Agnese Landini, consorte del presidente del Consiglio Matteo Renzi, oggi sarà tra le poche insegnanti (precarie) a presentarsi al lavoro in una scuola italiana. La stragrande maggioranza dei suoi colleghi aderirà allo sciopero generale proclamato in tutto il paese da Flc-Cgil, Cisl e Uil scuola, Snals, Gilda e Cobas contro la riforma che l'esecutivo targato Pd con minoranza di destra alfaniana definisce, in maniera eufemistica,«Buona Scuola». Dopo sette anni, i sindacati maggiori della scuola si sono decisi a contrastare la riforma organizzando cortei in sette città (Aosta, Catania, Cagliari, Milano, Palermo, Roma) e centinaia di flash mob con lo slogan «Nessun resti a casa» in altrettante città a partire dalle 12 di stamattina. La piattaforma prevede: il rifiuto della figura del «preside manager» e dei suoi poteri incostituzionali di «chiamata diretta» dei 100.701 docenti assunti a settembre 2015; la stabilizzazione di tutti i precari con almeno 36 mesi di servizio, come imposto dalla Corte di Giustizia Ue al più grande sfruttatore di precariato al mondo: lo stato italiano; il rinnovo del personale della scuola e il rispetto delle graduatorie dei precari.

I Cobas precisano che oggi saranno in piazza per chiedere il «ritiro totale» del Ddl, a differenza dei «cinque sindacati monopolisti» che «si sono già pronunciati a favore di un compromesso a perdere con Renzi». Manifesteranno oggi a Roma al Ministero in viale Trastevere (ore 10) e poi fino alle a Piazza Montecitorio. Gli altri sindacati saranno a piazza del Popolo. In piazza ci saranno anche Sei e il Movimento 5 Stelle contro il «Ddl truffa». Il governo ha atteso questa giornata cercando di boicottare lo sciopero posticipando a domani le prove Invalsi alle materne, producendo l'occupazione dell'istituto di Frascati e una diffida da parte della Flc-Cgil. Poi ha rispolverato il suo consueto disprezzo verso il dissenso, irridendo i docenti che oggi saranno in piazza. »Non mi spaventano tre fischi» ha detto alla festa dell'Unità a Bologna dov'è stato contestato e ha insistito per ricevere una delegazione della protesta. «La riforma va avanti ha detto non è prendere o lasciare. Ma se salta, addio 100mila assunzioni». Un ricatto che non è piaciuto ai docenti che oggi, nei cortei e nei flashmob, sfoggeranno un fischietto di ordinanza. Vogliono sommergere Renzi con «milioni di fischi da tutte le piazze d'Italia». Sono i fischi di «tutte le persone che combattono per la democrazia dentro e fuori la scuola».

La strategia di delegittimazione dello sciopero è continuata ieri in pieno stile berlusconiano. In testa al manipolo renziano si è schierato il sottosegretario Pd Davide Faraone secondo il quale oggi «in piazza ci sarà una minoranza del paese, la più chiassosa, ma sempre di minoranza si tratta. I sindacati conservatori costruiscono le paure e le cavalcano. Noi abbiamo dal primo giorno puntato sulla fiducia e sulla speranza». Espressioni tipiche dell'ex Cavaliere, rispolverate in un momento dove il consenso, e la fiducia, per il governo sono arrivate al minimo storico. Il presunto «partito della Nazione» freme perché oggi sarà contestato da quella che, a torto o a ragione, ha considerato la propria base elettorale. Una base usata come cavia sin dall'approvazione della legge Berlinguer del 2000,o da quella sulle scuole paritarie: i suoi voti sono stati usati per fare politiche contro gli interessi della scuola pubblica. Un capolavoro di cinismo politico. La ministra dell'Istruzione Stefania Giannini (Pd) ancora non si capacita di uno sciopero così ampio contro il suo operato. Le ragioni «la lasciano perplessa» ha detto. E »il governo è coeso su una riforma innovativa». Una riforma già bocciata nella consultazione online dove il 60% dei docenti ha respinto al 60% l'abolizione degli scatti di anzianità a favore di quelli di merito. Ma Giannini-Renzi fanno finta di nulla. Per la segretaria Cgil Camusso tale «riforma» privilegia i più ricchi e divide i precari. Il governo non è in condizione di assumere i precari a settembre. Per Giannini, anche Camusso »non ha letto il Ddb>.

A questo punto, considerata l'ampiezza del fronte contro Renzi, è lecito chiedersi se il governo, e il Pd, abbiano letto la riforma che intendono approvare

***

La scuola si ferma contro i diktat di Renzi

Stefano Porcari - tratto da http://contropiano.org

Dalle notizie che arrivano, sembra che lo sciopero del mondo della scuola di martedi 5 maggio contro il decreto del governo Renzi sulla pubblica istruzione sia forse il più massiccio degli ultimi anni. Alcune scuole resteranno addirittura chiuse per l'adesione del personale docente e non docente. Sono previste sette manifestazioni centrali delle manifestazioni di protesta contro il ddl di riforma della scuola: Aosta, Bari, Cagliari, Catania, Milano, Palermo, Roma. Un primo sciopero del mondo della scuola - quello dello scorso 24 aprile - aveva pure fatto registrare adesioni importanti, anche tra i non docenti e il personale Ata, a dimostrazione che l'aria che tira nelle scuole non sia salubre per il premier Renzi e il suo codazzo di tecnocrati e aziendalisti. Le manganellate di ieri anche contro gli insegnanti che volevano contestare il premier a Bologna indicano una tensione crescente nei rapporti tra Renzi e il mondo della scuola.

La Commissione di Garanzia ha intanto riconosciuto lo sciopero breve per il 12 maggio e per la correzione dei test delle prove Invalsi mentre pone problemi “burocratici” per le date del 6 e del 7 maggio, ma l'USB ha chiesto il riesame alla luce dei fatti “nuovi” cioè lo spostamento della date da parte dell'Invalsi.
Lo slittamento delle prove INVALSI per la scuola primaria dal 5 - 6 maggio al 6-7 è un atto unilaterale gravissimo da parte di un ente pubblico, sotto controllo diretto del MIUR e dunque del Governo, il cui scopo è quello di dare una prova di forza a dimostrazione di quello che è già la “nuova” scuola del Governo Renzi. Un atto paragonabile alla “serrata” da parte degli imprenditori nelle controversie di lavoro, ma mentre il diritto di sciopero è costituzionalmente garantito dall'art.40 della Costituzione, la serrata no.

Questa sera invece contro il decreto sulla Buona Scuola ci saranno decine di flash mob degli insegnanti in grandi e piccole città italiane.  Lo sciopero del 5 maggio sarà accompagnato ma anche preceduto da altre iniziative volte a porre l'attenzione sugli effetti della nuova riforma scolastica, quella che è stata chiamata del "preside sceriffo", del "preside con i superpoteri". "Con questo SELFIE MOB chiediamo il ritiro del Disegno di Legge sulla Scuola(n°2994) perché anticostituzionale, aziendalista, privatistico e clientelare. Questa Riforma lascia tutto all’arbitrio del DS, al finanziamento dei privati e al caos. La Scuola Statale Pubblica è un’Istituzione culturale, un bene comune e un patrimonio nazionale da difendere.

4 maggio 2015

vedi anche

"Presidi, precari, private: ecco le ragioni dello sciopero" (Repubblica.it)

Il tentativo di boicottaggio MIUR-Invalsi si è rivelato un clamoroso autogol (Cobas Scuola)

SCUOLA: INVALSI CORRE IN SOCCORSO DI CGIL, CISL E UIL - L’USB PROCLAMA SCIOPERO 6, 7 E 12 MAGGIO (USB)

 

 

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito