Tuesday, Jul 14th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Venerdì 13 novembre: Cobas e Unicobas chiamano lo sciopero della scuola

E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

cobas miur imagelargeDopo l'approvazione dela legge 107 sulla "buona" scuola e una flessione delle proteste che avevano invece accompagnato l'iter legislativo, scatta l'accusa del sindacato di base. Per i Cobas, dopo le grandi manifestazioni unitarie contro la "Buona Scuola", i cinque sindacati (Cgil-Cisl-Uil, Snals e Gilda) avrebbero ormai firmato la resa al governo Renzi. La scuola, secondo i Cobas, affogherebbe infatti nella nebulosa manifestazione che hanno convocato i "cinque", senza sciopero, per fine novembre, sommando "sterilmente" i problemi del pubblico impiego. Per questo, rilanciano i Cobas: "Il 13 novembre mettiamo a disposizione dei lavoratori/trici della scuola, degli studenti e di tutti/e coloro che vogliono difendere e migliorare l’istruzione pubblica, l’unico sciopero della scuola possibile e fondamentale per impedire l’applicazione almeno delle parti più deleterie della legge 107 e della cattiva scuola voluta da Renzi". Contemporaneamente, i Cobas saranno in piazza a Roma, a partire dalle 10.00 per ribattere "alla grottesca offerta governativa di rinnovo contrattuale (un aumento medio di 8 euro lorde al mese), richiedendo un consistente recupero salariale per docenti ed Ata, nonché la stabilizzazione di tutti i precari abilitati o con 36 mesi di servizio, ingiustamente esclusi dalla 107".

Per i Cobas la partita sulla legge 107 non si è ancora conclusa. "Perché, se è vero che su furbesco suggerimento ministeriale i presidi hanno rinviato la formazione dei Comitati di valutazione e il varo dei PTOF-Piani triennali, la “tregua” terminerà tra dicembre e gennaio, quando i capi di istituto tenteranno di imporre ai docenti il loro strapotere padronale su assunzioni, licenziamenti, premi e punizioni, oltre alla aziendalistica “alternanza scuola-lavoro” (400 ore per gli studenti dei tecnici e professionali e 200 per i licei fuori dalla normale attività didattica).

Lo sciopero, indetto dai COBAS e UNICOBAS e da altre organizzazioni sindacali, culminerà nella manifestazione nazionale a Roma, che porterà la protesta del popolo della scuola pubblica dal MIUR (V.le Trastevere, ore 10) al Parlamento (P. Montecitorio, ore 12), alla quale parteciperanno anche gli studenti romani che si oppongono alla 107, mentre in varie altre città si svolgeranno manifestazioni studentesche.

Redazione

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito