Monday, Jun 25th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Anche Haaretz ammette che Israele sta aiutando Al Qaeda

E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Nena-news l'aveva già anticipata la notizia della sospetta collaborazione tra Israele e movimenti vicini all’Isis e ad Al Qaeda (in questo caso Al Nusra), soprattutto in un’ottica anti Assad. Netanyahu utilizza, anche a detta di un generale israeliano, uccisioni mirate per fare campagna elettorale (le elezioni si terranno il 17 marzo 2015). Al momento preferiscono aiutare Al Nusra rispetto a chi come Assad e Hezbollah si oppone all’avanzata dell’Isis. È la lunga storia dell’interventismo occidentale teso a “esportare la democrazia”. I deliri di onnipotenza nell’area iniziarono con il foraggiamento dei talebani in funzione anti Urss che aveva invaso l’Afghanistan. Da lì nacque Al Qaeda. L’ultimo “esperimento” è stato quello di armare dei ribelli per rovesciare il regime di Assad (alleato storico di Russia, Iran e del movimento libanese Hezbollah). Da qui nacque l’Isis. Al momento forze di Al Qaeda controllano le alture del Golan al confine tra Siria ed Israele (di fatto sotto controllo israeliano dal 1967). Netanyahu ha fatto bombardare una vettura con alti ufficiali iraniani e il figlio del capo di Hezbollah (ucciso dal Mossad nel 2008) che probabilmente preparavano un attacco contro gli islamici integralisti. Intanto Israele sta bombardando il Libano. Al di là di ogni semplificazione della situazione mediorientale, che vive di complessità e alleanze incrociate, fa specie vedere che Israele in questa fase di grande indignazione da parte dell'opinione pubblica mondiale per le pratiche portare avanti dalle milizie di Isis, abia iniziato una guerra contro i pochi che Isis la combattono. In politica e in guerra si chiama "tempismo".
Redazione - 28 gennaio 2015

vedi anche

Hezbollah e Israele a un passo dalla guerra

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Zvi Bar'el sul giornale israeliano Haaretz del 20 Gennaio.

L’attacco in Siria mette in pericolo le tacite intese con l’Iran

hezbollahL’attacco aereo di domenica, attribuito a Israele, potrebbe minare lo status quo in cui l’Iran non risponde a tale provocazione finché Israele si concentra sugli obiettivi di Hezbollah.

Di Zvi Bar'el 20:35 20.01.15

Anche se per il momento l'Iran non sta lanciando minacce in risposta all'uccisione di sei dei suoi ufficiali militari nel sud della Siria di Domenica, l'incidente sta aumentando il coinvolgimento di Israele nella guerra civile siriana.

Questa settimana è uscita una teoria del complotto che suggerisce che gli alti ufficiali iraniani e la mezza dozzina di membri di Hezbollah uccisi durante l'attacco aereo, che è stato attribuito a Israele da parte dei media, non sono stati uccisi nella zona di Quneitra, vicino al confine settentrionale Israeliano, ma sulle montagne Qalamoun al confine siro-libanese. E non è stato Israele, ad ucciderli, ma piuttosto il fronte di Al Nusra affiliata dell’islamista Al-Qaida. Quindi l'accusa di Hezbollah che Israele era responsabile è semplicemente una menzogna, questa teoria regge, perché l'organizzazione sciita non vuole ammettere che in realtà ha subito il colpo per mano dei ribelli.

Sarebbe una storia particolarmente interessante se il Fronte Al-Nusra avesse solo coordinato con la leadership delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, che ha confermato la morte di iraniani di alto livello in quello che dice è un attacco israeliano. Così sia. Versioni contrastanti di eventi sono parte integrante dei combattimenti in Siria, ma non c'è dubbio che l'attacco missilistico ha fatto il gioco del Fronte Al-Nusra, i cui combattenti controllano l'attraversamento Quneitra e porzioni di parte siriana delle Alture del Golan.

In ogni caso, Israele è sospettato di fornire assistenza per il Fronte Al-Nusra, che si trova sulla lista delle organizzazioni terroristiche, e si pensa anche che stia ottenendo aiuto in cambio, da parte di quel gruppo. In particolare, secondo i rapporti sui siti web dei ribelli, i combattenti anti-Assad nelle alture siriane del Golan forniscono informazioni di intelligence per Israele, e ricevono anche aiuto da quest'ultimo sotto forma di armi e addestramento militare. Un sito web dice anche che Israele sta nuovamente instaurando il suo vecchio alleato in Libano, l'Esercito del Libano del Sud, nel Golan siriano e che la nuova entità si ricollega al sostegno dei ribelli.

Non è chiaro se Israele intendesse o meno colpire i dirigenti militari iraniani nel convoglio, ma è ragionevole supporre che Israele sapesse che erano parte del gruppo, sebbene avessero pianificato e coordinato il trasferimento di ulteriori forze di Hezbollah nel Golan siriano, in modo da strappare il controllo alle roccaforti ribelli della zona.

Una delle vittime dell'attacco aereo, Abu Ali Tabatabai, una figura di alto livello di Hezbollah che aveva comandato la forza di intervento rapido Radwan, aveva già lavorato nel settore montano Qalamoun, ed è possibile che fosse stato sfruttato per comandare il fronte sulle alture del Golan. Tabatabai ha preso ordini da Mohammed Ali Allahdadi, generale della Guardia Rivoluzionaria Iraniana, anch’esso ucciso domenica. Allahdadi aveva riferito direttamente a Qassem Suleimani, comandante delle Forze Quds che sovrintendono tra le altre cose le operazioni dei combattenti iraniani in Libano meridionale e in Siria. Si tratta di una intera catena di comando che controllano le Guardie Rivoluzionarie, indipendentemente dal governo e dall'esercito iraniano, ma quando alti personaggi iraniani sono colpiti, a decidere se e come rispondere, sarebbero le più alte sfere della leadership in Iran, sotto la guida suprema di Ali Hosseini Khamenei.

L’Iran gode di completa autonomia nel modo in cui conduce e dirige la battaglia del presidente siriano Bashar Assad contro i ribelli. A differenza degli Stati Uniti o dei paesi arabi, l'Iran non richiede il sostegno di una coalizione internazionale, in particolare alla luce del fatto che la Russia è pienamente in accordo rispetto alla soluzione del conflitto siriano e al futuro personale di Assad. Inoltre, Teheran può anche contare sul fatto che Israele da solo non agirà direttamente contro il regime di Assad. Sembra che ci sia una accondiscendenza silenziosa sul fatto che l'Iran non risponderà finché Israele concentra i suoi attacchi contro obiettivi di Hezbollah in Siria. L'Iran sta anche insistendo sul fatto che non vi sia alcun legame tra le trattative in corso che sta conducendo con le potenze occidentali sul suo programma nucleare, e le questioni che coinvolgono la Siria, l'Iraq o la guerra contro lo Stato islamico, noto anche come ISIS o ISIL. Per quanto riguarda il fronte iracheno, non vi è una cooperazione ufficiale e una convergenza di interessi in ogni caso, tra l'Iran e gli Stati Uniti contro la ISIS, mentre la "questione siriana" è tenuta in ostaggio da parte dell'Iran in uno sforzo per avvantaggiare la sua posizione su una soluzione in Siria.

Tuttavia, l'assassinio degli ufficiali iraniani, come riferito da Israele, potrebbe compromettere queste intese non ufficiali, in particolare quando l'Iran sospetta che l'azione di questa portata avrebbe dovuto essere coordinata tra Israele e l'amministrazione americana. Si può supporre che in altre circostanze in Iran, sotto la presidenza di Mahmoud Ahmadinejad, o se i negoziati nucleari non erano ripresi in poche settimane – l’Iran avrebbe accusato gli americani direttamente per l'attacco missilistico, e avrebbe anche minacciato ritorsioni contro obiettivi israeliani e americani. Tali minacce però non ci sono state questa volta, e sembra che l'Iran si attenga alla sua politica di separazione tra i suoi obiettivi strategici nei confronti degli Stati Uniti, e gli eventi "tattici", come l'assassinio degli ufficiali della Guardia Rivoluzionaria. L'annuncio che "la risposta arriverà in un momento e luogo da definire" libera sia l'Iran che Hezbollah per il momento dalla necessità di trasformare gli omicidi in una questione centrale che potrebbe deviare l'obiettivo attuale di combattere in Siria e potrebbe aprire un più ampio fronte in Libano.

Tuttavia, tale azione espande la misura del coinvolgimento di Israele nella guerra in Siria, e trasforma Israele in un ulteriore importante elemento nella costellazione di considerazioni strategiche rispetto a Iran, Hezbollah e la Siria. E questo è particolarmente vero quando l'obiettivo che è stato attaccato non era un convoglio o un deposito di armi di Hezbollah - anzi, tali atti hanno da tempo acquisito legittimità internazionale - ma piuttosto un gruppo di comando responsabile di dirigere un fronte militare.

E qui Israele sta preparando un'altra chiara linea rossa, dimostrando che fino a quando i gruppi ribelli (Al-Nusra n.d.r.) controllano una parte del Golan siriano, anche se sono affiliati con Al-Qaeda - Israele non li vede come una minaccia per se. Tuttavia, l'ingresso delle forze di Hezbollah e dei combattenti iraniani verrebbe considerato un punto di svolta strategico che probabilmente incontrerebbe una violenta resistenza da parte di Israele.

Dal punto di vista dell'Iran, una tale situazione minaccia il "monopolio" che ha in Siria, perché un tale approccio israeliano tirerebbe anche il presidente Assad dentro il problema e, poiché il suo desiderio di riaffermare il controllo della sua parte delle alture del Golan, con l'aiuto delle forze di Hezbollah e dell’Iran sarebbero fermati da Israele. Al momento, lascerebbe il controllo nelle mani dei ribelli, che, anche in assenza di coordinamento con Israele, vedrà lo stato ebraico come mezzo di protezione contro le forze di Assad.

20 gennaio 2015

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito