Tuesday, Dec 01st

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Flop rigassificatore Olt: Iren e E.On lo mettono in vendita. Ma a Livorno tutto tace...

E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 

Le istituzioni livornesi continuano, con l'appoggio del fedele quotidiano locale, a fantasticare sopra le opportunità del rigassificatore Olt e continuano a fare operazioni di facciata presentando le briciole di progetti e convenzioni fra Olt e amministrazione, come grandi ricadute. Come ormai scriviamo da mesi, il rigassificatore è ormai una palla al piede per chi ci ha investito e presto lo diventerà anche per il nostro territorio. La fine degli incentivi pubblici, il ridimensionamento del ruolo strategico del gas naturale liquido e la difficoltà a reperirlo stanno diventando ostacolo per molti rigassificatori e per quello di Livorno in particolare. Il governo ha inoltre detto che non autorizzerà più nessun progetto riguardante rigassificatori sul territorio italiano.

Proponiamo di seguito un articolo uscito questa mattina sul Secolo XIX di Genova (sui quotidiani livornesi invece tutto tace...) che segue altri che abbiamo già commentato e che definivano il rigassificatore un incubo, specialmente per la multiutility genovese che ci ha investito. red. 2 aprile 2013

RIGASSIFICATORE OLT: Iren ed E.On alzano bandiera bianca

Genova - A meno di tre mesi dal previsto arrivo del rigassificatore Fsru Toscana al largo della costa di Livorno, Olt Offshore Lng (controllata da Iren ed E.On con il 46,7% ciascuna) abdica alla gestione dell’impianto e decide di mettere in vendita l’intera capacità di rigassificazione della ex nave norvegese Golar. Detto in altri termini, Olt non è più interessata ad alimentare l’impianto direttamente, ma ha deciso di “affittarlo” ad altri operatori.

La procedura pubblica di cessione della capacità è stata avviata ieri. L’azienda conferma la notizia, spiegando di vendere «tutta la capacità del terminale a tutti gli operatori interessati». In base alle richieste che arriveranno, saranno definiti i «programmi di utilizzo».

Costato tra gli 830 milioni di euro (dato ufficiale, ma risalente al 2009) e il miliardo di euro, il terminale di Livorno ha una capacità di rigassificazione annua pari a 3,75 miliardi di metri cubi di gas naturale ed è il secondo in Italia per dimensione dopo quello di Rovigo. Il rigassificatore è in grado di ricevere navi metaniere «tra i 65mila e i 155mila metri cubi di capacità di trasporto», si legge nel documento, e conta su una capacità di stoccaggio pari a 135mila metri cubi.

Ad oggi, e come messo in luce dal Secolo XIX lo scorso 13 marzo, la società governata dagli amministratori delegati Peter Carolan (E.On) e Valter Pallano (Iren) continua a non essere nelle condizioni di alimentare l’impianto, non avendo siglato contratti di fornitura di gas naturale liquido né spot né di lungo termine. Olt conferma, ribadendo le argomentazioni che già due settimane fa aveva espresso a questo giornale. E cioè che le «forniture spot» negli ultimi anni «si sono rivelate più economiche dei classici contratti di lungo periodo». La società si era anche detta, lo ribadisce, «in grado di cogliere le opportunità di mercato che si verificheranno».

Ma in attesa di cogliere le future «opportunità di mercato», Carolan e Pallano alzano bandiera bianca, abdicando all’utilizzo del terminale e mettendo sul mercato l’intera capacità di rigassificazione di un impianto costato un decennio di lavoro e un investimento quasi certamente superiore agli 830 milioni di euro dichiarati a suo tempo: dal 2009 ad oggi si è infatti reso necessario correggere errori progettuali (come per esempio il sistema di ancoraggio e l’impianto di vaporizzazione) e di costruzione.

Autorizzato dal ministero nel 2006, Fsru Toscana ha accumulato anni di ritardo (avrebbe dovuto entrare in esercizio entro il 30 giugno 2011) ed è stato inaugurato lo scorso febbraio a Dubai. Al momento si trova ancora presso i cantieri arabi Drydocks World, dopo peraltro esserci arrivato quattro anni fa (giugno 2009). La società ha spiegato che si stanno «espletando le ultime operazioni di collaudo onshore prima della partenza». L’arrivo in Italia è previsto entro il prossimo giugno, l’entrata in esercizio nel terzo trimestre dell’anno, in tempo utile per afferrare la stagione fredda 2013-2014. Il fatto singolare è che Olt aveva chiesto e ottenuto l’esenzione di accesso a terzi per il 100% della capacità (potrebbe cioè utilizzare l’impianto in via esclusiva): il mutato scenario e la difficoltà a reperire gas naturale liquefatto sul mercato deve aver fatto maturare nel vertice questa netta inversione di strategia. Non più un impianto da utilizzare in via esclusiva, dunque, bensì un impianto da “affittare” completamente a terzi.

I soggetti potenzialmente interessati ad acquistare la capacità del rigassificatore di Livorno sono le grandi compagnie petrolifere del mondo: British Petroleum, Shell, Total, Gaz de France. La caccia a eventuali compratori di capacità dell’impianto è stata aperta con procedura pubblica. Da ieri sono disponibili sul sito internet della società le informazioni sul terminale utili per avviare, «con decorrenza a prevista dal 1° luglio 2013, la procedura pubblica di offerta di capacità di rigassificazione ai soggetti interessati, su base trasparente e non discriminatoria, tale da garantire la libertà di accesso a parità di condizioni». I dettagli di tale procedura saranno meglio chiariti «in un secondo momento», ma si stima che la procedura «debba concludersi per la metà del mese di luglio 2013».

GILDA FERRARI

tratto da http://shippingonline.ilsecoloxix.it - 2 aprile 2013

vedi anche

Il rigassificatore? Un incubo. L'inchiesta del Secolo XIX. Ma forse a Livorno arrivano gli incentivi

Rigassificatori, senza gli aiuti di stato si preannuncia un flop. Cosa farà OLT?

Vertenza Livorno: Rigassificatore, ci si fermi finchè siamo in tempo

Crollo dei consumi di gas: è crisi nera per i rigassificatori

Rigassificatori: anche Brindisi e Trieste rinunciano al progetto

Grassi, la crisi del gas e il rigassificatore

Rigassificatore: sicurezza zero ma il Comune spinge per affrettare i tempi

Rigassificatore: il governo dà mano libera a OLT a discapito della sicurezza dei cittadini

Greenpeace rivela: complotto in alto mare su rigassificatore off-shore

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito