Tuesday, Jan 23rd

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Maxiprocesso ai movimenti livornesi: il Pm chiede 38 anni di carcere

E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

livorno-non-si-piegatratto da http://www.livornoindipendente.it

Questo pomeriggio si è svolta, probabilmente la penultima udienza del processo per il cosiddetto “assalto alla Prefettura” che vede imputate 22 persone la cui (quasi) totalità appartenenti al collettivo politico dell’Ex Caserma Occupata e altri movimenti cittadini.

Tre giorni di “disordine pubblico” iniziati il 30 novembre del 2012 quando numerosi attivisti, lavoratori e studenti decisero di contestare il comizio organizzato dal Partito Democratico presso la stazione marittima e furono brutalmente caricati per tre volte dal reparto dei Carabinieri. Il giorno successivo altra carica a freddo ai danni di un piccolo presidio che stazionava nella zona pedonale di Piazza Cavour e la successiva grande manifestazione del 2 dicembre che vide la partecipazione di migliaia di Livornesi. In quella occasione, al passaggio del corteo di fronte al palazzo del governo, furono lanciate transenne e fumogeni senza peraltro causare danni significativi.

Il Pubblico Ministero, nella sua requisitoria, ha ripercorso i fatti accaduti nei tre giorni sopra descritti confermando integralmente tutte le accuse formulate sia in fase di indagine che durante le prime udienze. La richiesta finale è stata molto pesante. 38 anni totali di carcere per il 20 imputati e due sole richieste di assoluzione ( di cui una riferita ad una posizione già stralciata in fase processuale).

La pena più alta, 3 anni e 4 mesi, per Ceraolo Giovanni accusato di essere uno dei responsabili, anche dal punto di vista morale, di quanto accaduto in tutte e tre le giornate.

Non possiamo che contestare integralmente e ancora una volta la strumentalità di queste richieste di condanna. Un tentativo chiaro di criminalizzare un’intera area politica. Una rappresaglia nei confronti di 20 ragazze e ragazze che da anni si battono, nella nostra città, affinché tutti possano veder riconosciuti i propri diritti.  Dalla casa  al reddito, dalla solidarietà con i lavoratori in lotta passando per le numerose battaglie ambientaliste da noi sostenute e promosse. Sono innumerevoli le iniziative di lotta e riappropriazione portate avanti negli anni dal nostro collettivo.

Viviamo in una città il cui tribunale assolve puntualmente i ricchi e i potenti di turno ma che evidentemente prova ad utilizzare il pugno duro nei confronti di chi, i ricchi e i potenti, li contesta quotidianamente.

Nei prossimi giorni verranno organizzate delle iniziative di solidarietà in vista dell’ultima udienza prevista per il giorno 29 ottobre.

Solidarietà con tutti gli/le imputati/e

Comitati Autonomi Ex Caserma Occupata

15 ottobre 2015

vedi anche

"Livorno non si piega": dossier su tre giorni incredibili e videotestimonianze sul pestaggio di piazza Cavour

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito