Wednesday, Oct 17th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Come t’intervisto il brigatista

E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
2-74e403a881

- tratto da http://contropiano.org

Ci è capitato più volte di documentare e contestare la letteratura "misteriologica" intorno alla lotta armata di sinistra degli anni 70. Col passare del tempo, questa letteratura si è ridotta ad esercitarsi su un solo episodio, nel disperato tentativo di limitare le falle che si aprivano da tutte le parti nello storytelling un tempo del Pci, poi anche di fascisti, democristiani e chi più ne ha…

Il blog La pattumiera della Storia ha da poco pubblicato una fulminante decostruzione di una (presunta, a questo punto) intervista ad Alessio Casimirri – l'unico del gruppo di brigatisti condannati per via Fani che non sia mai stato arrestato – apparsa sulle colonne del magazine Sette, allegato del venerdì al Corriiere della Sera.

Non ci sembra ci sia molto da aggiungere. Lo stile su cui ha prosperato la dietrologia è molto simile (poi, certo, ognuno ci sa mettere del suo). Quanto alle motivazioni per cui – a quasi 40 anni di distanza – si prosegue nello spremere qualche articolo pruriginoso da "misteri" inesistenti, non possiamo che restare convinti da quanto sostenuto in una intervista – vera – raccolta diversi anni fa da Contropiano: "è business storiografico, rende sempre".

***

Un nuovo mistero nel caso Moro
Il caso Moro è divenuto ormai quasi per antonomasia un coacervo di 'misteri'. Malgrado i numerosi processi, che hanno condannato tutti i responsabili delle Brigate Rosse a decine di ergastoli, viene sistematicamente presentato come un 'cold case', un caso irrisolto e sul quale va indagato. I misteri vengono enumerati dagli 'esperti', che, a piacere, ne possono scegliere ed esporre pubblicamente uno secondo le necessità del momento.

Gli esperti sono un insieme di professionisti che, nel corso dei quasi quattro decenni trascorsi dal fatto, si sono profilati come conoscitori del caso, per averne scritto e discusso pubblicamente. Sono magistrati in funzione o in pensione, giornalisti, politici di ogni tendenza che hanno partecipato a Commissioni d'inchiesta o ancora 'consulenti'.

Sotto questa élite, che sul caso ha sviluppato una piccola industria, si trovano gli aspiranti esperti, tra cui spiccano una frazione di vecchi pentiti e dissociati brigatisti – \Franceschini, Etro, Morucci, Faranda – che pur vantando conoscenze dirette, possono essere messi a tacere quando dicono cose non conformi al mantenere vivo il mistero del momento.

Del momento, perché il sistema si auto-riproduce; a turno si spara una 'rivelazione' sul caso, un articolo accompagnato da lanci di agenzia cui seguono i commenti dei politici. Di fatto però, quando non si tratta di vere e proprie bufale, si tratta di ri-rivelazioni, affermazioni note e fatte anni addietro, spesso più volte, ciclicamente, che sono riproposte come nuove ed amputate degli elementi che in epoche passate le avevano chiarite o contraddette. Un tale vecchiume che neppure più l'autorità giudiziaria italiana, nota per aprire inchieste con la massima facilità, prende in considerazione. 

Alla base della piramide c'è però un vasto pubblico, una massa crescente di gente affascinata da complotti di ogni genere, cui l'internet facilita l'illusione di poter dire la loro e di partecipare a svelarli, con il solo risultato di moltiplicare la produzione di misteri e di hoaks. Una cultura che si estende rapidamente, poiché attraversa tutti i campi dello scibile, e particolarmente tra le giovani generazioni. Se n'è reso conto il governo francese, che ha lanciato una campagna contro il complottismo, con tanto di sito web munito di qualche indicazione metodologica.

In Italia, il rubinetto di scoop, rivelazioni e misteri è sempre tenuto aperto dalla stampa mainstream. In un caso recente, la rivelazione del momento sembrava davvero nuova. Uno dei misteri più quotati del caso Moro è la presenza in via Fani, al momento del sequestro, di altri attori oltre alla squadra di brigatisti rossi in azione, e dunque all'intervento diretto di 'servizi segreti' nel fatto.

I fautori dei misteri si appoggiano su diverse teorie del complotto, e in Italia vengono chiamati -o addirittura si definiscono essi stessi- 'dietrologi.' Il neologismo viene da «chi c'è dietro?», ed ha la sua origine politica nella domanda che era sistematicamente usata dal Partito Comunista Italiano (P.C.I.) per denigrare la sinistra extraparlamentare negli anni '70. Seguendo l'adagio staliniano ('pas d'ennemis à gauche') ed il suo metodo, il P.C.I. chiedeva retoricamente a chi giovasse tale o tal'altra azione di lotta, per concludere che 'in ultima analisi' era di destra: sicché le Brigate Rosse erano semplicemente fasciste, o comunque strumenti di quel potere che dicevano di combattere.

Appare dunque sul settimanale Oggi del 18.6.2014 un articolo, preceduto da un battage pubblicitario che lo lancia come scoop, intitolato «In via Fani non eravamo soli» e che riporta un'intervista a Raffaele Fiore. 
La novità era che per la prima volta un ex-brigatista condannato per il sequestro Moro e non pentito affermava che vi fossero altri partecipanti all'azione, e quindi in qualche modo confermava la teoria del complotto.
Senonché, un articolo dell'avvocato Steccanella apparso su Il Garantista del 21.6.2014 (cfr. blog Satisfiction) rivelava la manipolazione: l'intervistato aveva parlato di due brigatisti che erano sul luogo ma che lui non conosceva personalmente; persone note e condannate ormai da anni, non 'esterni' o 'terzi' rispetto alle BR. In risposta, l'autrice dell'intervista, Raffaella Fanelli, cita in giudizio l'autore della critica.

La nuova brigatologa
Come è diventata una 'esperta', accolta nell'élite degli specialisti in misteri brigatisti, la Fanelli?
Dal suo sito, appare che, lavorando come free-lance, si sia specializzata nell'intervistare delinquenti e condannati per vari tipi di crimine. Raffaele Fiore l'aveva già intervistato nel 2009, senza risultati capaci di produrre clamore.

Nel 2010 però ha pubblicato su Sette, il magazine del Corriere della Sera, un'intervista ad Alessio Casimirri, che per diversi motivi un certo rilievo l'aveva. Casimirri è stato condannato, in contumacia, per il sequestro Moro, ma non è mai stato arrestato.

E per alcuni è egli stesso un 'mistero del caso Moro': per esempio su Il Sole 24 ore del 15.3.2008, 'I dieci misteri irrisolti del caso Moro', Daniele Biacchessi classifica la 'latitanza di Alessio Casimirri' al decimo posto.

E non c'è soltanto la hit-parade, in precedenza Casimirri aveva rilasciato solo due interviste a giornali italiani, e sono ormai datate.

La prima è apparsa il 17.11.1988 sul settimanale Famiglia Cristiana, la seconda fu rilasciata a Maurizio Valentini e pubblicata il 23.4.1998 sul settimanale L'Espresso.

Questi due testi sono stati, nel corso degli anni, oggetto di attenzione da parte di inquirenti come di Commissioni d'inchiesta, che ne ne hanno approfondito alcuni dettagli -come le modalità di contatto, o il pagamento di una somma alla famiglia dell'intervistato. (All'intervista di Famiglia Cristiana sono dedicate le ultime tre pagine del rapporto del marzo 2005 su Casimirri alla Commissione d'inchiesta sul caso Mithrokin).

In passato, Casimirri ha risposto anche a giornalisti del suo paese, il Nicaragua, con due interviste, una a Joaquín Tórrez A. su El Nuevo Diario del 1.2.2004 ed un'altra sul Magazine di La Prensa del 12.8.2007. In precedenza, la stampa nicaraguense, come La Tribuna e il sandinista Barricada, che nel frattempo hanno chiuso i battenti, aveva pubblicato anche altri pezzi, articoli e dichiarazioni. 

Sulla stampa italiana si trovano inoltre diversi pezzi che contengono dichiarazioni senza fonte, pseudo-interviste e narrazioni di incontri falliti col terribile latitante che gestisce un noto ristorante. Già dai tempi del primo ristorante di Casimirri in città (il Magica Roma a Managua), gli impavidi giornalisti italiani alla ricerca del brividino si mettevano a tavola facendo finta di nulla. Uno della RAI addirittura con una videocamera nascosta.

Una pratica mai cambiata, e benché il racconto che ne risulti sia quello delle proprie frustrazioni, si può sempre implementare con un titolo folkloristico o con qualche commento che nessuno contesterà. Un paio di esempi.

Panorama il 29.1.2004 titola 'Nel covo di Primula Rossa'. Giacomo Amadori e Gianluca Ferraris si dedicano calla 'caccia al latitante' (sic nel testo), vanno in Guatemala a vedere l'ex-moglie di Casimirri, poi un 'ex capitano dei servizi d'informazione sandinisti' e i 'tassisti di Managua' che dicono loro quel che i periodistas stranieri amano sentire ('è un uomo pericoloso'), e da brave spie dilettanti 'si arrampicano su una collinetta'.

La Stampa 8.3.2010 titola 'Cena a Managua con Camillo, l'ultimo latitante di via Fani': Andrea Colombari e Raphael Zanotti riportano le chiacchiere di Casimirri, cui si sono presentati come semplici clienti. 'Ma non appena si tocca l’argomento Moro, si chiude a riccio', scrivono, appena tre mesi prima dell'intervista della Fanelli, uscita il 17.6.2010.
Per La Repubblica, Alessandro Oppes riferisce di un primo tentativo miseramente fallito di parlare con Casimirri il 18.1.2004 ('Managua, l'ultimo dei vecchi Br tra ricette, squali e misteri'), e raddoppia l'anno dopo, il 18.2.2005 ('È nella terra dei sandinisti il paradiso dei fuoriusciti') racconta di aver 'sbirciato' nel cortile del ristorante attraverso una fessura.

Dunque il servizio pubblicato da Sette-Corriere della Sera ed intitolato 'L'ultimo di via Fani – Parla Alessio Casimirri' ha intrinsecamente il suo peso, visto che dalle precedenti interviste italiane sono trascorsi rispettivamente 12 e 22 anni, e che nei numerosi altri articoli di stampa ci sono solo frasi rubate e discorsi basati su fonti sconosciute o dubbie.

Chiunque voglia capire qualcosa di più sul personaggio non può che basarsi sulle sole interviste 'certificate', a maggior ragione quando da un lato non esistono suoi verbali, lettere o comunicati e dall'altro le stesse sentenze di condanna sono state pronunciate in absentia, cioè senza che l'accusato abbia potuto esprimersi.

La produzione di informazioni si è sviluppata in occasioni diverse (quali per esempio le missioni del SISDE in Nicaragua, la extraordinary rendition dall'Egitto di Rita Algranati, ex-compagna di Casimirri, o le domande di estradizione italiane al Nicaragua) e quindi l'analisi deve contestualizzarne la lettura, ma è chiaro che il pezzo della Fanelli appartenga per così dire al rango superiore, e vada confrontato con le altre due interviste autentiche che l'hanno preceduto.

L'intervista è accompagnata da una colonna di commento di un autorevole esperto brigatologo. Giovanni Bianconi, giornalista ed autore di diversi libro sul mondo brigatista, vi esprime una condanna morale fondata sul lavoro della Fanelli, consacrandone così il valore giornalistico e documentario. 

C'è del marcio in Nicaragua? o piuttosto in Italia?
Una seconda lettura non porta molto più che a deprecare la povertà di meta-informazioni, sul contesto che porta all'intervista stessa non c'è una parola.

Le altre interviste esclusive erano dovute a circostanze e contatti particolari: l'ambiente vaticano della famiglia Casimirri Labella per Famiglia Cristiana, e l'amicizia d'infanzia con Maurizio Valentini per L'Espresso. L'intervista di Valentini (qui sotto) era inoltre esplicitamente motivata dalla volontà di chiarire alcuni aspetti in difesa di Adriano Sofri nel caso Calabresi.

19980423 L'Espresso Il signor X del delitto Moro

espresso

 

 

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito