Saturday, Apr 21st

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Quinta Colonna: la triangolazione perfetta del fascioleghismo

E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

tratto da http://www.dinamopress.it

Ieri sera, su Rete 4, è andato in scena un format disegnato intorno alla destra più xenofoba e fascista. Che continua a soffiare sul fuoco, utilizzando la cronaca nera per la campagna elettorale.

La trasmissione Quinta Colonna di Paolo Del Debbio, a lungo dirigente di Fininvest passato poi alla politica sempre sotto l'ala di Berlusconi e tornato poi alla tv da conduttore, ieri sera ha confermato di tenere fede al proprio titolo, presentandosi per l'ennesima volta come la quinta colonna del razzismo e della xenofobia. Contenuti mostruosi resi potabili al grande pubblico tramite il format del talk show. Un mix di slogan violenti travestiti da ovvietà e buon senso.

In onda ieri sera la triangolazione perfetta del “fascioleghismo”. Per l'ennesima volta a mettere in moto la macchina un caso di cronaca, quello di una ragazza violentata al Prenestino, e la conseguente tensione nel quartiere nei confronti dell'insediamento abusivo di via Teano, da cui proverrebbero i due presunti autori della stupro.

Le telecamere di Quinta Colonna si piazzano proprio all'esterno dell'insediamento, mentre la polizia blinda tutta la zona. Dietro al padre della ragazza si parano decine di militanti di Casa Pound (ospiti fissi dei collegamenti di Del Debbio) che, minacciosi, si piazzano all'ingresso del campo, lanciando anche oggetti all'interno. Intanto in studio a fare sponda a quello che succede in strada Daniela Santanché (la pasionaria di Forza Italia che a Roma ha disertato l'appoggio a Marchini per spalleggiare Giorgia Meloni) e il segretario del Carroccio Matteo Salvini.

Il repertorio è sempre lo stesso: castrazione chimica, tutti a casa loro, i cittadini sono stufi e se succede qualcosa di brutto la colpa sarà di chi non è intervenuto. Al posto dell'informazione va in onda un cocktail esplosivo di emozioni negative, di esasperazione della percezione d'insicurezza, di “non sono razzista ma” e “togliere tutti i bambini ai rom”. Emozioni che eccitano gli animi, che si ripercuotono nella sfera della rete, tramite i commenti alla trasmissione sui vari social network (inutile proporre qui il campionario degli orrori) ma i cui effetti si artigliano saldamente nel reale.

E il clima che si crea grazie a spazi come quello di Quinto Colonna fa comodo a tutti gli attori che lo generano. Da chi, come le forze dell'estrema destra, si fanno imprenditori della xenofobia per le strade, a chi, come Salvini e Santanché, incassano poi nelle urne. E ovviamente a Del Debbio che all'interno del palinsesto di Mediaset si occupa di dar voce alla destra-destra. Marciare divisi per colpire uniti. Un clima irrespirabile, costruito anche grazie a panzane e bufale, e tutto giocato sulla pelle dei migranti additati come il nemico da combattere nella guerra tra gli ultimi.

Anche per questo il 21 maggio, quando Casa Pound ha annunciato un corteo nazionale a Roma per “Difendere l'Italia”, c'è bisogno di una piazza piena e dell'impegno di tutti.

17 maggio 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito