Tuesday, Jul 14th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Lampedusa, Isola di permanenza temporanea

E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Verso il terzo giorno sull’isola prigione. Annunciati i trasferimenti. Ma gli sbarchi aumentano

lampedusa_profughi_moloFoto, video, cronaca, dall’isola

Vedi anche:

- Lampedusa - Aggiornamenti in tempo reale per il terzo giorno del presidio Welcome sull’isola
Continua per il terzo giorno il presidio della campagna Welcome.
- Lampedusa, Alkatraz del Mediterraneo
Nuove e ordinarie strategie di brutalità e confinamento in Europa
- Aggiornamenti in diretta dal presidio Welcome a Lampedusa
Nuovi sbarchi anche in serata e proteste sull’isola. Continua il presidio della campagna Welcome
- Lampedusa - ll CIE di Contrada Imbricola e i rifugi per minori non accompagnati
Reportage, foto, video, del Progetto Melting Pot Europa
- Primo giorno dal presidio Welcome di Lampedusa - Aggiornamenti in diretta
Melting Pot sull’isola. Iniziata la campagna per la liberazione dell’isola prigione e l’accoglienza dei migranti in Europa

Situazione sempre più esasperata al porto di Lampedusa. Continuano i recuperi in mare: 80 persone nella mattinata, 103 nel pomeriggio. Altri due sbarchi nel corso della serata mentre si susseguono le notizie di avvistamenti a qualche miglia dalla costa. L’eco delle dichiarazioni dei Bossi, dei Frattini e dei Lombardo si infrange sulle coste di Lampedusa, sommersa dagli approdi, si perde nelle file per il pranzo, nei tentativi di organizzare i trasferimenti. La promessa/minaccia di “rispedire tutti i migranti a casa”, la generosa trovata di risarcire con “2500 dollari chi decide di rimpatriare”, i proclami risolutivi gridati ai quattro venti di trasferire le migliaia di persone arrivate sull’isola nei tredici Cie allestiti dal Governo non sembrano scuotere in alcun modo la situazione emergenziale di Lampedusa.

Al porto i giovani tunisini si organizzano per i trasferimenti: riuniti in piccoli gruppi si contano e inscenano una protesta contro il caos dei trasferimenti. Si siedono ai lati del molo con in mano cartelli di denuncia: “Basta miseria!”; “Siamo qui da una settimana”. Precisano date di arrivo e i giorni di permanenza sull’isola in condizioni disumane. Dopo le ore trascorse in fila indiana sotto il sole cocente in attesa di ritirare il pasto della giornata, non ce la fanno più. E si arrabbiano.

Il caos regna sovrano. Arriva un’altra imbarcazione. Questa volta sono 200 persone. Ricomincia la trafila: il trasbordo, l’attesa, l’auto-organizzazione per la notte. E poi la notizia del ritrovamento della nave partita dalla Libia e avvistata circa due giorni fa con a bordo circa 350 migranti per la maggior parte eritrei, somali, etiopi ma anche alcuni provenienti dal Bangladesh. Partorisce in mare una donna, soccorsa da un elicottero che la conduce al Policlinico di Palermo. Il barcone non attraccherà a Lampedusa ma a Linosa.

http://www.meltingpot.org

[ domenica 27 marzo 2011 ]

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito