Saturday, Apr 21st

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Posti di lavoro, pensioni, benefit: il declino di Renzi tra una cazzata e l'altra

E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

renzi prestigiatoreNon tutti i presidenti del consiglio di centrosinistra sono uguali: tra un premier di scuderia (Letta) e uno acquisito (Monti) abbiamo avuto delle vere iniezioni di serietà. Sia nelle forme della comunicazione, Letta parla un ottimo inglese che Renzi si è messo in testa di imitare con l'effetto che sappiamo, che nelle intenzioni. Peccato che le politiche fossero disastrose, tipiche di chi vuol restare dentro un modello di sviluppo bollito perchè, almeno con quello, ha una rendita certa. Basti ricordare che, con Monti, l'Italia ha finanziato il salvataggio dei crediti delle banche tedesche e francesi, rimasti incagliati nelle banche greche e portoghesi, in misura molto maggiore di quanto sia intervenuta sulla situazione bancaria nazionale.

Matteo Renzi che, a parole, è arrivato a palazzo Chigi per dare una spinta al paese, è altrettanto disastroso e, in compenso, non è neanche serio. Oltretutto la riforma costituzionale, sulla quale si gioca la testa (politicamente parlando), non ha alcun peso economico. E le eventuali oscillazioni di borsa, prima o dopo il referendum, nel caso saranno collegate allo stato del settore bancario, scosso magari anche dall'ennnesima crisi di comando, piuttosto che alla Costituzione magari non approvata. La riforma Renzi-Boschi della costituzione non consente un risvolto neanche contabile: Cnel e province, che sarebbero abolite con un "si" al referendum, sono enti svuotati da tempo senza possibilità di rinascita. L'abolizione della riforma del titolo V della Costituzione, promossa da Renzi, se non la faranno l'elettorato o il parlamento ci penserà l'eventuale pressione dei mercati finanziari.

Insomma, Matteo Renzi si gioca tutto su una riforma non organica, non epocale. Probabilmente la Costituzione riformata serviva più a una nuova grande coalizione (quella morta dopo il Nazareno) che alle esigenze di una finanza che ha già le mani libere. La vera riforma costituzionale l'ha fatta il centrosinistra di Bersani assieme a Monti: l'introduzione del pareggio di bilancio. Un orrore economico-sociale che ha accompagnato il crollo degli investimenti pubblici e privati nel paese. Nessuno che ci abbia fatto caso, dove c'è l'obbligo del pareggio del bilancio il pubblico non può investire e il privato non vuole (non si investe in un paese fermo), ma in Italia quando ci si è riempiti la bocca col "rigore" ci si considera politicamente arrivati.

Il punto però è che Renzi questa benedetta riforma, che contiene articoli che sono un inno al contenzioso presso la Corte Costituzionale (il famigerato articolo 70 ad esempio), deve farsela approvare. Per poi continuare a tirare politicamente a campare quanto possibile. E allora vai, prima di tutto, con trasmissioni a reti unificate: una muraglia crossmediale di dichiarazioni di Renzi e dei suoi prossimi, tutte uguali e tutte accolte in modo acritico, che tessono l'elogio della propria riforma. E poi vai con le promesse: dai centomila posti di lavoro con il ponte sullo stretto, al raddoppio della quattordicesima per le fasce di pensionati piu' indigenti, al bonus di 5000 euro per trovare un nuovo lavoro. Un diluvio di promesse di sconti, di vantaggi, di benefit come se si fosse appena scaricato un volantino Unieuro piuttosto che un programma di palazzo Chigi. Certo, la dice lunga sullla concezione che il governo ha della società italiana. Quale sia il rapporto tra la quattordicesima "raddoppiata" ai pensionati e l'abolizione della riforma del titolo V della costituzione è un mistero. Anzi, il rapporto viene, di fatto, negato. Eppure, l'insistenza di Renzi, in termini di messaggio di propaganda, serve proprio per rafforzare questo legame: se votate la riforma il governo tiene allora arrivano le pensioni. E' uno dei punti piu' bassi della storia della repubblica, pur in un paese rotto ad ogni cialtroneria: un governo senza prospettiva economica, emarginato in Europa (basta leggere lo scherno con il quale la stampa tedesca tratta Renzi da sempre), senza consento maggioritario cerca la strada del consenso spicciolo. Quello strappato a suon di piccole promesse, di bonus immaginari, di promesse improbabili (la mitica riduzione delle tasse, tirata fuori in primavera poi lasciata cadere in discrezione) nella speranza di rosicchiare qualche voto e rimanere cosi' in sella.

Il cantore della rottamazione, ottimo per gonfiare il petto alle serate presso la platea amica della Leopolda, prova così, di cazzata in cazzata, a sopravvivere come il presidente del consiglio di un governicchio balneare dei tempi andati. Della boria e della baldanza tipiche della partenza è rimasta, quella si, la disinvoltura nello spararle sempre più grosse. Eppure Renzi era arrivato anche a dire che l'Italia sarebbe cresciuta più della Germania. Il successore, che si tratti di un proconsole di qualche fondo di "assistenza" europea o di un sobrio interprete dello stile littorio-liberista ministeriale, non sarà così vivace. Dopo il carnevale renziano, con i suoi personaggi improbabili e chiassosi, la quaresima sarà tra le più luttuose di sempre.

redazione, 27 settembre 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito