Thursday, Dec 13th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Riunione di emergenza al Mef. Comincia l’autunno caldo delle banche italiane

E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

goldman sachs dipintoLa notizia è di un gruppo di siti scollegati tra loro (Rai news, La Nazione, Il Messaggero) ma che si occupano regolarmente di informare, ognuno con la propria impostazione, su questi temi. Lunedì 3 ottobre è il giorno della riunione di emergenza, convocata dal ministro Padoan presso il ministero dell’economia, sulla questione della tenuta del sistema bancario. Una cosetta da nulla, rispetto all’attenzione dei media per ogni piroetta recitata dal presidente del consiglio, con la presenza anche del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, con i vertici di Unicredit, Intesa e Ubi, e quelli dell'Abi, l'associazione bancaria italiana, del fondo Atlante e delle casse di risparmio legate all’Acri.

La notizia, naturalmente, è molto più importante della solita bassa macelleria che è l’offerta di notiziabilità politica quotidiana ma, il più possibile, passerà in secondo piano per una serie di motivi.

Il primo, intuibile, è il legame tra notizie, loro collocazione e andamento dei titoli in borsa. Nonostante il mercato lo facciano le persone (assieme ai software) comunque informate, e poco inclini a credere ai titoli cubitali, se una notizia si diffonde ben oltre il pubblico specialistico un titolo comincia a oscillare in modo pauroso. Figuriamoci un intero settore, come quello bancario italiano, il cui valore è stato dimezzato dall’inizio dell’anno. O su banche, come MPS, che il cui titolo ha perso il 99 per cento di valore dall’inizio della crisi.

La seconda è che la politica (o meglio ciò che impropriamente è considerata tale) ha bisogno di una forte presenza spettacolare nell’informazione, per ovviare alla crisi di legittimità e per regolare conflitti, e in questo modo toglie spazio al resto delle notizie.

La terza è che probabilmente è presto per pompare adrenalina nel sistema dei media su questo genere di notizie. La crisi delle banche europee è destinata a continuare, nonostante i maggiori istituti bancari continentali siano progressivamente passati sotto il controllo della Bce, cominciare a immettere adesso adrenalina nel circuito mediale significara arrivare al livello panico negli eventuali momenti topici della crisi. Panico sia finanziario che politico. Per questo, nonostante i media non abbiano un vero governo centrale, per adesso la notizia è rimasta circoscritta alla platea, professionale e non, dei diretti interessati.

Importante diventa quindi focalizzare i temi principali di questa riunione. Ne fissiamo tre, i più conosciuti. Tenendo conto che, nel complesso, la discrezione sugli esiti della riunione finirà per prevalere fino a quando le esigenze dell’informazione avranno, in un modo o in un altro, bucato una parte significativa del riserbo.

I temi ineludibili sono tre: fase finale del salvataggio banche oggetto del famoso intervento legislativo dello scorso anno (quello a favore della Banca del padre della ministro Boschi, per capirsi), questione del bail-in banche italiane, situazione di Deutsche Bank.

Sulla questione del salvataggio delle (ormai) famose quattro banche, con ministro Boschi a fare da brand all’intera vicenda e i risparmiatori a fare da corollario di spine, da tempo era calato il silenzio. Invece la normativa comunitaria, recepita dall’intervento del governo della fine dello scorso anno, recitava chiaramente: le banche vanno salvate per essere poi vendute. Ecco quindi, ed è parte della storia di oggi, che Ubi Banca si presenta per acquisirne tre (Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti).

Tutto bene? Mica tanto, visto che la scadenza per l’acquisto delle tre banche, fa parte di Ubi è stata prorogata. Come mai? Per due motivi seri, segnalati, una volta tanto, dalla stampa mainstream. Il primo, segnalato dal Sole 24 ore qualche giorno fa, riguarda le modalità di acquisizione delle banche da parte di Ubi. Modalità che apparivano, e appaiono tali, da sottovalutare il rischio sistemico oggi rappresentato da un’altra banca: MPS. In parole molto povere il modo con il quale Ubi acquisirebbe le tre banche metterebbe in difficoltà Mps.

Come? Ce l’ha spiegato Milano Finanza. Usiamo un linguaggio meno gergale e meno tecnico possibile: i fondi speculativi sono pronti a distruggere l’aumento di capitale di Ubi, necessario per acquisire le tre banche salvate lo scorso anno. Se questa situazione non si stempera, inevitabilmente, anche Mps sarà coinvolta in un generale ribasso azionario dei già martoriati titoli bancari italiani. In poche parole, una parte significativa delle banche italiane è sotto scopa: da una parte le regole della Bce, che sta monitarando l’operazione Ubi, dall’altra, vedi sempre Ubi, la fame di speculazione dei mercati.

Ecco un primo motivo, non banale, per fare un summit tra ministero, banche, fondo di salvataggio e azioni bancarie. Il secondo motivo è legato quindi a quello che possiamo chiamare salvataggio, risanamento a seconda dell’abbellimento retorico che si preferisce: insomma come verrà puntellato il sistema bancario italiano per provare ad uscire dalla crisi. E qui una notizia, di quasi due settimane fa, riportata da Wall Street Italia ha proprietà davvero esplosive.

Infatti, lo SRB è l’autorità del’Unione Europea chiamata ad attivare le procedure di bail-in (il salvataggio attivato direttamente attingendo sui risparmiatori e imprese) che vigila su 142 banche europee, tra cui Deutsche Bank e BNP Paribas. Ora la numero uno della RSB, Elke Koenig ha detto praticamente che le banche dell’Unione europea – dunque non solo dell’Eurozona, il cui sistema ha ricevuto liquidità da Draghi -potrebbero aver bisogno di un capitale doppio rispetto ai requisiti minimi stabiliti dalla Bce.

In poche parole, se le banche italiane finissero in quelle procedure di “salvataggio”, e fino ad oggi diverse si stanno dirigendo verso quell’esito, il capitale necessario per “salvarle” secondo la Ue sarebbe doppio. Un rischio piuttosto serio visto lo scenario. Ma, e questo spiega la recente crisi del titolo in questione, questo varrebbe anche per Deutsche Bank, la madre di tutte le crisi delle banche europee, dalla cui risoluzione o meno dipende il futuro del credito bancario in Europa. Ecco quindi la seconda, ineludibile, questione al summit di emergenza: norme più stringenti per un eventuale bail-in, strumento che, come sappiamo il governo vuol evitare. Sperando che un eventuale bailout di Deutsche Bank, un salvataggio direttamente pagato dalle casse pubbliche tedesce, apra la possibilità di una simile soluzione in Italia.

Arriviamo così al terzo punto della riunione: la situazione di Deutsche Bank. Madre di tutte le crisi che, come abbiamo visto, è questione calda anche a Roma non solo a Berlino. Anzi, per dirla tutta, a Berlino sono più frequenti gli attacchi alla Deutsche Bank piuttosto che la sua difesa. Il ministro degli esteri Sigmar Gabriel ha dichiarato, alle agenzie di stampa tedesche, che “chi ha fatto speculazione ieri non può lamentarsi della speculazione oggi”. Facendo intendere che il salvataggio di Deutsche Bank, in qualsiasi modo venga eventualmente approntato, sarà comunque un percorso costellato di spine. La Frankfurter Allgemeine, dal canto suo, dopo essersi lamentata (30 settembre) della troppa attenzione italiana su Deutsche Bank (causa desideri di bailout) ha espresso un corsivo chiaro. Differente ma in linea con le ipotesi di ridimensionamento dell’istituto bancario già fatte intravedere, qualche giorno prima, dalla Süddeutsche Zeitung: si tratta di dire la verità sul disastro Deutsche Bank, poi procedere a soluzioni dolorose. Niente di buono per il sistema bancario italiano: se non ci saranno sconti a Berlino figuriamoci a Roma. Per questo, assieme agli altri due motivi (questione Ubi e modalità di eventuale bail-in sistemico) proprio a Roma ci si riunisce d’urgenza.

Certo, la crisi della banche italiane sta dentro, in una modalità tutta propria, la crisi della banche europee. La quale, come in una matrioska, è contenuta dentro la crisi di produzione di valore nei sistemi bancari. Aggrediti anche da nuove modalità di credito e dalla potente emergenza di nuove tecnologie. Certo, la crisi italiana è anche di quella di un ceto politico-manageriale di tipo liberista-feudale che vive in un mondo a parte. Come dimostra questo articolo di linkerblog http://www.linkerblog.biz/2016/09/23/gli-alibi-delle-banche-sono-pareti-di-carta/ che dimostra come la crisi dei crediti deteriorati, degli scorsi, sia anche frutto di una visione banale, povera delle scelte strategiche dei mandarini degli istituti bancari. Come dice l’autore dell’articolo, a partire dal 2007-2008 “le banche italiane hanno sottovalutato del tutto le componenti strutturali e la durata della crisi e hanno sbagliato la politica del credito”. Ma non si lasci le banche da sole in questa galleria degli orrori, che costerà parecchio a questo paese.

Negli stessi anni prima il centrosinistra, con Prodi che favoleggiava di una crisi americana compensata dalla crescita cinese, poi il centrodestra, che sostanzialmente si è incartato sia nei rapporti con Bruxelles che attorno ai problemi del presidente dell’azienda leader della coalizione, hanno altrettanto sottovalutato la portata della crisi. Per non parlare della opinione pubblica che, drogata dalla denunce sugli sprechi, si è focalizzata sulla liceità degli scontrini di questa o quella assemblea legislativa. A dimostrazione che opinione pubblica e società civile possono avere la stessa vista corta della politica istituzionale. Ma rimaniamo all’oggi, con la nostra riunione d’emergenza: l’autunno caldo delle banche è quindi cominciato.

Redazione, 4 ottobre 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito