Monday, Dec 09th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

No Monti day: 50.000 in piazza e corteo selvaggio degli studenti

E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

A Roma, 50 mila persone in piazza per contestare Monti e le sue politiche. Molte vertrenze sociali in un corteo tranquillo che gli studenti scuotono bloccando la tangenziale e poi tutta la città. Prossima tappa lo sciopero sociale europeo del 14 novembre

no_monti_day_tangenzialeE' appena terminata la manifestazione del No Monti Day a Piazza San Giovanni, gli studenti sono ancora in corteo selvaggio sulla Tangenziale Est di Roma. Alcune prime considerazioni sorgono spontanee su questa che è stata la prima giornata dell'autunno che ha visto in piazza l'opposizione politica e sociale al governo Monti.

Considerata l'assenza di un movimento sociale forte la manifestazione nei numeri è andata bene. Circa 50 mila persone (per dare numeri realistici) hanno sfilato in corteo per le strade di Roma. Una manifestazione eterogenea che ha visto la partecipazione di lavoratori in lotta (Ilva, Alcoa), di studenti medi e universitari, degli insegnanti in mobilitazione contro l'aumento dell'orario lavorativo e contro il ddl Aprea, di delegazioni del movimento No Tav e per l'acqua pubblica. Tante anche le lotte ambientali presenti. Questo è senz'altro l'aspetto maggiormente positivo del corteo, la presenza di tante lotte e vertenze sociali che ogni giorno si battono contro la crisi e contro questo governo, con lo sguardo sempre attento anche alle mobilitazioni europee.

Poco in sintonia con il quadro europeo è sembrato invece l'arcipelago delle organizzazioni politiche e sindacali presenti nella manifestazione cui comunque va dato il merito di averla costruita. Avremmo però voluto vedere in testa al corteo le lotte della scuola che oggi appaiono come una speranza per tutto il paese. E invece abbiamo rivisto le solite organizzazioni con i soliti volti, rigorosamente maschi. Vecchi anche gli slogan ed il modo di stare in piazza di tante organizzazioni.
Sembra che ancora qui in Italia non si sia imparato molto dagli Indignados spagnoli e dal movimento americano di Occupy. Dal protagonismo diretto e dalla partecipazione di donne e uomini che hanno animato i più grandi movimenti degli ultimi anni.

Fortunatamente a dare un segnale diverso alla giornata del No Monti Day ci hanno pensato gli studenti e i precari che, partiti dalla Sapienza per poi congiungersi a Piazza della Repubblica con il corteo nazionale, non si sono accontentati di fermarsi a San Giovanni per il solito comizio. Hanno proseguito in migliaia in corteo selvaggio verso Porta Maggiore, hanno imboccato la rampa della Tangenziale Est fino allo svincolo della Roma-L'Aquila.
Roma è stata di nuovo bloccata.
Studenti e precari hanno sfilato dietro lo striscione “Piazze invase contro la Troika. E' l'Europa che ce lo chiede”. Un chiaro riferimento ai movimenti di Spagna, Grecia e Portogallo perché, di fronte all'Europa dell'austerity, della BCE e dei presunti governi tecnici, solo una dimensione europea e autorganizzata dei movimenti potrà realmente opporsi alla crisi ed individuarne una via d'uscita radicalmente alternativa.

Le scuole e le università in piazza oggi hanno espresso ancora una volta la volontà di costruire una dinamica di mobilitazione ampia e radicale anche in Italia. Non una sommatoria di tante piccole forze residuali ma una moltiplicazione di forze nuove, giovani e incazzate, distanti anni luce dai vecchi schemi della sinistra e dalle sue lotte intestine.
Questo protagonismo dei giovani e dei precari si è visto anche oggi in piazza e su questo bisognerà puntare. Verso lo sciopero sociale europeo del 14 e la giornata di mobilitazione del 16 novembre.

Giorgio Sestili

tratto da http://ilmegafonoquotidiano.globalist.it

28 ottobre 2012

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito