Tuesday, Mar 31st

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

A proposito della rete che ci spia: intervento di un lettore

E-mail
Valutazione attuale: / 17
ScarsoOttimo 

Ho letto l’articolo che avete pubblicato “Quello che la rete sa di te” e vorrei fare un breve intervento in proposito.

spia-sat1E’ vero, purtroppo oggi funziona così per tutto, la tecnologia ai livelli a cui è arrivata permette ai signori del marketing guadagni più facili potendosi avvalere facilmente delle nuove tecnologie per effettuare indagini di mercato sempre più mirate e dettagliate. Quello che è sempre esistito ma che un tempo era molto più difficile da ottenere oggi in rete è una passeggiata. Il tutto riferito ad un IP però, al massimo ad un nome al quale è registrato il nostro computer, se è registrato. Ma su Google, o Yahoo, io non vado ad auto-creare una scheda con tanto di tutti i dati personali molto dettagliati e comprensivo di foto, non sottoscrivo il fatto che possano usare a piacimento ogni cosa che scrivo, ogni foto che inoltro ai miei amici. Se lo facessero e venissi a saperlo potrei avvalermi del diritto alla tutela della mia privacy.

Su facebook, invece, questo è un qualcosa che accetto con l’iscrizione, la ragazza che si è trovata  la foto“venduta” per pubblicizzare un sito pornografico non ha potuto fare niente! La cosa è infinitamente più grave, non so se riuscite a cogliere la differenza, perché c’è e non è da poco. Lì si accetta che ogni cosa che si  pubblica, ogni documento, ogni foto, ogni pensiero, non ci appartiene più. Appartiene a Facebook che può farne ciò che vuole. Il fatto che vengano spiati i miei gusti è gravissimo. Il fatto che sia io ad accettare di lavorare gratis per un sito che guadagna su ciò che io faccio, che vende qualunque dato che io volontariamente fornisco e aggiorno alle multinazionali e che oltretutto rende tutti iper-vulnerabili (hai voglia di impostare quanto possibile per la tutela della privacy!) è ben diverso. 

Un'alta cosa: io ho comunque l’abitudine di cancellare tutti i cookies e la cronologia di ogni mio accesso in rete ogni volta che mi disconnetto. Ci sono programmi che fanno questo. E comunque il mio pc è registrato con uno pseudonimo e niente dati personali. Ci navighiamo in molti, quindi i gusti non sono poi così mirati e attendibili. Su facebook è una vera schedatura, non facciamo le pecore! So bene che ormai facebook ha preso tutti, o quasi. E che molti se ne fregano altamente di tutti gli aspetti negativi che impersona questo social(!!!)network (dei quali vorrei soffermarmi a parlare ma non è questo il momento, mi dilungherei troppo), mentre altri, probabilmente più sensibili a certi argomenti, sentono il bisogno di giustificare a loro stessi, in qualche modo, il fatto che anche loro ne facciano parte, forse per  auto-convincersi che in fondo non stanno andando contro gli ideali in cui credono, tanto se anche google ci spia, e google bene o male lo usano tutti, possiamo anche stare su facebook! No, è qui che dobbiamo avere il coraggio di andare fino in fondo ed ammettere che si parla di due cose diverse!  In ogni cosa oggi possiamo trovare del marcio. Ma facebbok supera davvero i limiti della decenza, i lati negativi sono innumerevoli e chi vuol vedere la realtà lo sa bene. E se ne facciamo parte, sottoscriviamo di voler lavorare per lui, per ciò che rappresenta e per ciò che c’è dietro. Questo è. Un’adesione volontaria, non facciamoci fregare!  

Tutto ciò per dire che è vero, ormai ci spiano ovunque, in ogni campo, in tutti i modi possibili. Evitiamo almeno di collaborare, di essere complici di un qualcosa che ripeto, non è una “spiata”, è un’ auto-schedatura mondiale dettagliatissima.  

Inviato a Senza Soste da Alessandro Porciani

27 agosto 2010

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito