Saturday, Apr 21st

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Perché la pagina Facebook di Zerocalcare è stata oscurata

E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

La partecipazione del disegnatore a una commemorazione di Carlo Giuliani scatena la sassaiola in rete, costringendo Facebook a intervenire

IMG_0488_zerocalcare

Foto di Simone Florena

tratto da http://www.wired.it

Qualche giorno fa Michele Rech, o più semplicemente ZeroCalcare, ha diffuso sulla sua pagina Facebook ufficiale e i propri profili personali che avrebbe partecipato a una iniziativa per commemorare Carlo Giuliani.

Il testo, accompagnato da una locandina, recitava “Mercoledi 20 luglio, a 15 anni esatti dal G8, alle 15:00 stiamo a fare disegni live in piazza Alimonda a Genova insieme a Alessio Spataro, Paolo Castaldi, Manuel De Carli, Luca Genovese, Simone Lucciola e Cisco Sardano. Tutto quello che facciamo sarà poi messo all’asta benefit per chi sta bevuto”.

Immediatamente una parte dei lettori di ZeroCalcare, quelli che probabilmente fino a quel momento si erano divertiti con riferimenti nostalgici e battute delle sue strisce, ignorando il suo chiaro impegno politico, culminato in Kobane Calling o l’ultimo racconto sulle Unioni Civili, ha iniziato a una sassaiola virtuale a base di “Mi sento tradito”, “Torna a fare i disegnetti” (come se il fumettista fosse una sorta di clown che deve solo divertirti a comando) e tutte le frasi su Giuliani che abbiamo sentito in questi 15 anni, da “Se l’è andata a cercare” a “Non si dovrebbe rievocare un delinquente”.

La cosa è andata avanti per un paio di giorni tra furiosi lanci di fango virtuale e difese sulle barricate finché oggi Facebook, probabilmente subissata di segnalazioni, ha oscurato pagina e profilo personale di ZeroCalcare, senza alcuna segnalazione preventiva o dialogo con l’autore.

Quando ho provato ad accedere mi è stata mostrata una schermata in cui mi si diceva che i miei account erano stati oscurati per colpa di quel post. Riattivando tutto il post è stato eliminato in automatico dalla pagina” ha dichiarato l’autore dopo averlo contattato. Dunque adesso la pagina è nuovamente accessibile, ma ovviamente senza il post incriminato.

Non è la prima volta che la segnalazione in massa viene usata come strumento di censura, dato che spesso Facebook non controlla la natura del post, ma si limita a oscurare in automatico un contento che viene segnalato in massa, per poi eventualmente fare dei distinguo. La cosa era già successa in passato ad altri fumettisti, come Recchioni e Bevilacqua, che si erano scontrati con frange particolarmente attive sui social network e in particolare del Movimento 5 Stelle e di movimenti antieuropeisti, ma in questo caso Rech ha un’opinione ben precisa sui responsabili di questa censura.

Non è detto che i miei lettori debbano pensarla tutti come me, ma di solito sono persone abituate ad accettare un punto di vista differente e sanno già come la penso. Invece quei toni (e le segnalazioni che hanno portato a chiudere la pagina) vengono da altri soggetti, arrivati li apposta, che tendenzialmente sono fascisti e poliziotti (ex o attuali). Quasi nessuno di quei commentatori è un lettore ignaro, ma una persona arrivata là per fare casino”.

Per il resto, Michele sembra aver preso abbastanza con filosofia la cosa, visto che comunque il post è ancora presente sul suo profilo personale.

Hanno oscurato un post su facebook non è che è successo niente di che. Però è il sintomo che la questione di Genova in realtà non è finita, che ci sono ancora pezzi di apparati che continuano a fare una guerra accanita e che sulla narrazione di quelle giornate ci sta ancora uno scontro in corso che non è pacificato per niente”.

Intanto le pagine complottare e ricche di bufale continuano a prosperare indisturbate.

20 luglio 2016

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito