Saturday, Mar 25th

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Bobo Rondelli suona contro la guerra. E il Pd livornese lo censura

E-mail
Valutazione attuale: / 20
ScarsoOttimo 

Bobo-Rondelli_280x0Tempi duri durissimi per il PD livornese. Il partito dei litigi, assediato da un città che non sa più che farsene della sua manifesta incapacità di "governare il cambiamento", cerca di reagire e va a difendere con forza uno dei capisaldi della sua politica nazionale: il diritto di fare la guerra. Succede infatti che mercoledì sera infatti durante il concerto di Bobo Rondelli alla festa democratica di Livorno, l'artista, che recentemente è diventato sostenitore di Emergency, ha espresso  parole di condanna per le guerre e i bombardamenti "degli esportatori di democrazia" e ha criticato l'ambiguità del PD. A quel punto un militante del partito democratico è immediatamente salito sul palco a rimproverare Bobo invitandolo a "suonare e non fare politica". Al di là dell'opportunità e del giudizio sulla partecipazione alla festa del PD livornese, "tra miasmi di fritto e dimostrazioni di frullatori e aspirapolveri", resta l'immagine di un partito che durante un concerto sbraccia sopra a un palco contro un suo ospite, per censurare un pensiero contro la guerra. Il massimo per una rappresentazione neorealistica della pena. Ai prossimi artisti suggeriamo di suonare da quel palco il requiem a memoria di tutte le vittime delle guerre votate dal PD.

(red.)

16 luglio 2011

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito