Saturday, Sep 22nd

Last update:03:43:25 PM GMT

You are here:

Padre Pio - Una storia falsa: Intervista agli autori

E-mail
Valutazione attuale: / 24
ScarsoOttimo 

padrepioPadre Pio- una storia falsa andrà in scena il 19 Febbraio all' Eos Theatre (Ex cinema Aurora) e il 24 Febbraio al TeatroOfficina Refugio. Vista la singolarità del soggetto messo in scena abbiamo posto qualche domanda agli autori dello spettacolo, Jonathan Freschi (J-Regista) e Francesco Biondi (F-Drammaturgo)

La prima domanda è: Perchè? F: Perchè viviamo in un paese dove i film agiografici su santi e papi e "Porta a Porta" dominano la cultura televisiva (guarda caso morente) del nostro tempo. Era proprio il momento di seppellirli tutti con una risata. J: Per quanto mi riguarda, anni fa con Filippo Scarparo e Alessio Tanchis iniziammo ad interessarci al fenomeno Pio attraverso delle letture che trovammo sconvolgenti e piano piano questo interesse si è trasformato in uno spettacolo teatrale.

La seconda domanda è: Quali riferimenti avete utilizzato nella scrittura del testo? F: Sicuramente "IL SANTO IMPOSTORE" di Mario Guarino è stato il faro che mi ha guidato nella storia di Francesco Forgione (Padre Pio), dalla quale poi mi sono sempre più allontanato per poter mettere in scena il retroscena del fenomeno mediatico Padre Pio. J: Anche per me il "SANTO IMPOSTORE" di Mario Guarino (che tra l'altro ho incontrato per parlargli del progetto) e Padre Pio. Miracoli e politica nell'Italia del Novecento di Luzzatto, ma anche delle agiografie come quella di Socci…

La terza domanda è: Chi vi ha sostenuto in questo progetto? F: Fondamentale è stato l'appoggio della Bottega del Verrocchio e l'impulso dell'UAAR di Livorno che si sono mostrati subito incuriositi dal soggetto. J: Si, la Bottega del Verrocchio che ha creduto nel progetto e lo ha prodotto senza mettere nessun ostacolo, nessuna preoccupazione ne censura. Ci ha permesso di lavorare liberi e senza alcun controllo…e ovviamente è stato molto importante anche l'interesse e l'aiuto dall'Uaar.

La quarta domanda è: Pensate che qualcuno possa sentirsi offeso? F: Avendo lo spettacolo una forte vena satirico-mistificatoria ci offenderemmo se cosÏ non fosse. In realtà non vogliamo offendere nessuno, ma liberare noi stessi ... J: Io mi sento offeso tutti i giorni..quando entro in una scuola, quando cammino per strada, quando guardo la tv, quando compro un giornale…se qualcuno si offende (e lo spero) sono un pò cazzacci suoi…

La quinta domanda è: Che cos'è oggi Padre Pio?Una storia falsa? F: Se ti riferisci all'aspetto miracolistico-dogmatico di Padre Pio, la risposta dell'ateo e uomo del 2012 che è in me è "certo che si". Anche se non c'è niente di falso nel modo in cui Padre Pio è diventato il santino della tua macchina. J: Oggi Padre Pio è una figura pop come Michael Jackson o Moana Pozzi..

La sesta domanda è: Che approccio avete utilizzato per la messa in scena? Ci sono stati dei riferimenti particolari? J: Oltre ai testi già citati un altro riferimento importante è stato la visione di filmati amatoriali fatti a San Giovani Rotondo, prevalentemente da turisti devoti, che sono anche diventati riferimenti scenici veri e propri.

La Settima domanda è: Qual'è il pubblico di uno spettacolo del genere? F: In realtà è il più vario possibile, solo ai morti preghiamo di non venire. J: Bah..quello che ha voglia di uscire e di frugarsi per vedere uno spettacolo. Poi a chi piace o non piace lo capiremo a fine spettacolo.

L'ottava domanda è: Come nasce l'idea del video promozionale? Il video l'abbiamo girato al solo scopo di far promozione allo spettacolo, ma in realtà, dopo aver visto molti videoclip a tema Padre Pio (dal pop, hip hop, metal,dance, etc..) volevamo contribuire con uno tutto nostro. Consigliamo a tutti di farsi un giro su Youtube alla scoperta di un mondo musicale purtroppo sconosciuto ai più e già che ci siete non perdetevi il lungometraggio di Gigione e Jo Donatello - Grazie Padre Pio...

L'ultima domanda è: Pregate spesso? F: Preferisco fare sesso. J: Io prego spesso, ma trovo sempre occupato..

per senzasoste.it

Jaques Bonhomme

 


 

La Bottega del Verrocchio presenta:

PADRE PIO - UNA STORIA FALSA

di Francesco Biondi
con Filippo Scarparo, Anna Lisa Matarazzo, Marco Bruciati, Francesco Biondi, Giorgio De Santis
luci e video: Alessio Tanchis
scenografie: Paola Montalto

regia Jonathan Freschi

 


 

AddThis Social Bookmark Button

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito